predicatore: W.M. Branham; traduttore: Mariano GuagliardoLA PRESENZA DI DIO NON RICONOSCIUTA

 

- Messaggio predicato dal profeta  William Marrion Branham.

- Data: 18 Giugno, 1964.

- Luogo: Topeka, KS. U.S.A.

- Tradotto dal pastore Mariano Guagliardo.

- Tradotto nell’anno 1992.

Clicca per la versione in PDF

 

 

1 Ora, visto che la nostra gente è poca, noi cercheremo di sbrigarci, terminare, così che possiamo...ci adopereremo per questo unico proposito, cioè che voi riconosciate la Presenza di Gesù Cristo. Vedete, se Egli è presente, allora, ebbene, ogni cosa è a posto. Egli dette la Parola, ed Egli è qui per confermarLa. Egli prova che Egli La confermerà. “Egli è proprio lo stesso ieri, oggi, e in eterno”. Noi abbiamo visto che Lui lo fece l'altra sera, in modo infallibile. Noi vediamo Lui, sera dopo sera, e giorno dopo giorno, e anno dopo anno, senza che una volta Egli abbia predetto qualcosa, tra le migliaia di volte e indipendentemente da quando essa fosse...da quando essa sarebbe accaduta, che ciò non fosse perfettamente alla virgola, in tempo, ed esatta. Come può Egli... Quanti sanno questo, e conoscono il ministero, e sanno che ciò è vero? [La congregazione dice: “Amen!”.—n.d.t.] Eccovi qui! Nemmeno una volta. Indipendentemente perfino da quanto fosse impossibile, ciò accadde proprio lo stesso. Egli è Dio! Se noi semplicemente riconoscessimo questo, e ci aggrappassimo a questo!

 

2 Ed ora a noi rimane solo poco tempo da stare qui, penso ancora tre sere, o ancora due sere e un giorno, dopo questa sera. Io penso che Domenica pomeriggio sarà il servizio di chiusura. Noi cercheremo di terminare Domenica pomeriggio, così che i pastori e ognuno... Noi non vogliamo sottrarvi alla vostra chiesa. Noi vogliamo semplicemente aggiungere alla chiesa, e darvi ancora più fede nel Dio che voi servite nella vostra chiesa. Vedete? E noi non vogliamo che le porte della chiesa siano chiuse, per nessuna ragione. Noi vogliamo che voi stiate là. Però noi stiamo semplicemente cercando di aiutarvi, incoraggiarvi. Un risveglio non significa aggiungere di più alla chiesa; un risveglio significa: “Risvegliare ciò che tu hai già ottenuto”; quello è un risveglio.

 

3 Una volta io osservavo la spiaggia, e il vento stava soffiando e scuoteva tutto. Ebbene, essa non era una spiaggia di mare, essa era su al Lago Michigan. Io stavo là fuori, osservando le onde mentre esse venivano dentro, e, oh, quel mare saltava, anzi, le acque saltavano, e le barche che oscillavano! Ed io pensai: “Che cosa sta accadendo?”. Pensai: “Beh, il lago sta avendo un risveglio! Ecco cos'è”. Esso saltava e si muoveva, perché? Perché c'era un forte vento impetuoso che veniva giù su di esso. Io pensai: “Beh, sai cosa? Proprio in questo momento in esso non c'è nemmeno una goccia di acqua in più di quanta ce ne fosse quando esso era perfettamente calmo”. In esso non c'era di più di acqua; essa era semplicemente tutta mossa! Bene, ora, perché essa era tutta mossa? Sapete cosa fa l'acqua quando è mossa? Lava e porta fuori da essa tutte le sporcizie, buttandole sulla riva.

 

4 Questo è ciò di cui noi abbiamo bisogno: lavar via l'incredulità, buttandola sulla riva. Lasciare che la Parola di Dio abbia i primati. Questo è ciò di cui noi abbiamo bisogno: un risveglio, un lavare via tutta l'incredulità, e tutte le cimici e superstizioni, e robe varie. Vieni fuori, e vedi che Dio è ancora Dio! Ecco perché noi abbiamo i risvegli.

 

5 Che il Signore ci aiuti questa sera mentre noi scegliamo questo testo e lo leggiamo. Possa il Signore benedire la lettura della Sua Parola, che si trova in San Matteo, al 12º capitolo, dal 38º al 42º verso.

 

6 E il mio testo questa sera è: La Presenza Di Dio Non Riconosciuta. L'altra sera noi abbiamo parlato di Gesù che è lo stesso ieri, oggi, e in eterno, e visto che Egli fu lo stesso ieri, oggi, e in eterno. Ora la Sua Presenza, se Egli è lo stesso, non è riconosciuta. Leggiamo.

 Allora alcuni scribi e farisei lo interrogarono, dicendo: “Maestro, noi vorremmo vedere da te qualche segno”.

 Ma egli, rispondendo, disse loro: “Questa malvagia e adultera generazione chiede un segno, ma nessun segno le sarà dato, se non il segno del profeta Giona.

 Infatti, come Giona fu tre giorni e tre notti nel ventre del grosso pesce, così starà il Figlio dell'uomo tre giorni e tre notti nel cuore della terra.

 I Niniviti risorgeranno nel giudizio con questa generazione e la condanneranno, perché essi si ravvidero alla predicazione di Giona; ed ecco, qui c'è uno più grande di Giona.

 La regina del mezzogiorno risusciterà nel giudizio con questa generazione e la condannerà, perché ella venne dagli estremi confini della terra per udire la sapienza di Salomone; ed ecco, qui c'è uno più grande di Salomone”.

 [Nel verso 39 la versione King James riporta “una malvagia e adultera generazione... ”anziché “questa malvagia e adultera generazione...”. —n.d.t.]

 

7 La Presenza non riconosciuta! A cosa stessero mai pensando queste persone? Dio ha sempre...ciò è stato in quel modo ogni volta che Egli viene. Quando Gesù fu qui la prima volta, Egli disse:

 Voi imbiancate e adornate le mura delle tombe dei profeti, e siete voi che li avete messi là dentro.

 Vedete, qualcosa accade e ciò passa accanto e:

 Dio lo nasconde agli occhi dei savi e degli intelligenti, e lo rivela ai piccoli fanciulli che vogliono imparare.

 Gesù ringraziò il Padre per questo agire. Vedete, ciò passa proprio a fianco alla gente, ed essi non lo sanno.

 

8 Per esempio, voi gente cattolica qui questa sera, voi ricordate Giovanna d'Arco di alcuni anni fa, in Francia, quella piccola donna che fu veramente... Ella in Francia guidò la rivoluzione, però ella era una vera servente di Cristo. Cosa fece a lei la vostra chiesa? La bruciò al palo, quale strega, questo perché ella vedeva visioni ed era spirituale. La Chiesa Cattolica la bruciò, quale strega, al palo, questo perché ella era spirituale e vedeva visioni. Alcuni anni dopo essi scoprirono che quella donna era una santa. Così, naturalmente, voi avete fatto grande penitenza; avete scavato e tirato fuori i corpi di quei preti che l'avevano condannata e bruciata, e li avete buttati nel fiume. Naturalmente, con ciò voi avete fatto grande penitenza nel dissotterrare i corpi di quei preti.

 

9 Ora, ai giorni dei profeti, cosa accadde? Essi fecero la stessa cosa. Essi non li riconobbero fino a che non erano venuti, avevano finito il loro ministero, portato gli Eletti fuori da quelli, e poi, dopo che questi se n'erano andati, essi riconobbero che in mezzo a loro c'era stato un profeta.

 

10 Gesù: Egli venne in terra. Incorporato in Lui c'era il Padre, Dio.

 Io e Mio Padre siamo uno. Mio Padre dimora in Me. Non sono Io che faccio le opere, ma Mio Padre. E se Io non faccio le opere di Mio Padre, non credeteMi.

 Ora, se notate, quando Egli venne, circa un novantesimo del mondo seppe che a quel tempo Egli era sulla terra; eppure era il Salvatore del mondo! E, dunque, essi non Lo riconobbero mai per Quel che Egli era. Perfino la chiesa, e a stento chiunque altro, non seppe mai Chi Egli fosse finquando essi prima non Lo crocifissero, seppellirono, e risuscitò al terzo giorno.

 

11 Essa viene dentro e va fuori, e la gente non La riconosce fino a che Essa non è passata. Ed essi...poiché Essa non combacia mai con la loro teologia; Essa non combacia mai col tempo del giorno. Vedete che cos'è? Essi vivono sempre nel bagliore di un'altra epoca; sempre.

 

12 La ragione per la quale essi non accettarono Gesù, fu perché essi stavano vivendo nel bagliore della Legge. E quando Gesù venne Egli non fu contrario alla Legge, ma venne per adempiere la Legge. Ebbene, essi non Lo poterono accettare perché il Suo Messaggio non era esattamente nel modo in cui erano i loro credi, i quali allora erano chiamati `tradizioni'. Ed Egli non venne secondo le loro tradizioni. Egli non osservò le loro tradizioni. In verità, Egli le capovolse, e le ribaltò, e fece cose che erano contrarie ad esse, tanto che essi pensarono che Egli stesse distruggendo le chiese. Ed essi non Lo poterono accettare, a motivo del Suo Messaggio. Ed oggi noi tutti sappiamo che Egli venne esattamente in linea con la profezia di Dio, però essi allora ciò non lo sapevano.

 

13 E ciò potrebbe accadere di nuovo, e noi potremmo non saperlo! Io immagino che se Egli apparisse questa sera, ciò sarebbe così contrario a come noi ce lo siamo immaginato nei nostri schemi, e nelle nostre scuole, ed altro, tanto che sarebbero veramente pochi coloro che riconoscerebbero quello che sta accadendo. Egli disse che sarà così, quando Egli verrà.

 

14 Ora, Gesù era lì proprio Scritturalmente identificato dalle Scritture, e gli Scribi e i Farisei di quel giorno non Lo poterono riconoscere. Perché essi non lo poterono? Perché essi non poterono farlo? Perché essi se lo erano immaginato in un altro modo! Fu lì che Gesù disse loro:

 Voi investigate le Scritture, perché pensate di aver per mezzo di esse Vita Eterna; ed esse sono quelle che testimoniano di Me.

 Vedete? Or Egli venne esattamente secondo le Scritture. Ma forse essi si erano fatti l'idea che, se Egli fosse venuto, il Messia avrebbe probabilmente fatto ciò che fece Mosé, o ciò che fece Noé, costruito per loro un'arca, o qualcosa d'altro. Ma noi sappiamo che Egli venne nel modo in cui venne, nel modo in cui essi non se lo aspettavano. Le Scritture, a causa delle loro tradizioni, non insegnavano loro questo; per cui la gente era così confusa tanto da non sapere ciò che stava accadendo.

 

15 Chissà se ciò accadesse oggi? Mi chiedo se ciò fosse diverso da quello che le nostre tradizioni ci hanno insegnato? Ed Egli potrebbe venire; e qualcosa potrebbe passarci accanto e noi non ne sapremmo niente fino a che Egli non sia già passato, ed allora tutto sarà finito. Questo è proprio il modo in cui Egli verrà.

 

16 Sapete, quando Giovanni il Battista venne sulla scena, ciò era stato predetto sin dal Libro di Isaia, centinaia di anni prima. Io penso che Isaia profetizzò circa ottocento anni prima della venuta di Cristo. Lo sapevate che Giovanni venne esattamente nel modo in cui Isaia disse che egli sarebbe venuto? Egli venne esattamente nel modo in cui Malachia disse che sarebbe venuto, e perfino gli apostoli non lo riconobbero!

 Un giorno, in Matteo 11, Giovanni era in prigione; e gli apostoli, alcuni dei suoi discepoli, andarono su a chiedere a Gesù se fosse Egli quell'Uno, o se essi dovevano guardare per un altro.

 

17 Ora, notate; Gesù non dette loro un libro su come egli doveva comportarsi in prigione, o come controllare il suo carattere. Egli disse: “State qui attorno e osservate ciò che accade. Poi andate a riferire a Giovanni le cose che avete visto accadere”. Quella era la evidenza che Egli era quella Parola.

 

18 Ed ora, ricordatevi: la Parola viene sempre ad un profeta. Tutti noi sappiamo questo.

 Dio non fa nulla senza mostrarlo ai Suoi profeti.

 Questa è la ragione per cui il Libro della Rivelazione di Gesù Cristo (Apocalisse) è la pienezza di Cristo proprio qui davanti a noi; il Libro. Ora, Egli deve mandare qualcuno per confermare quel Libro, per rivelarLo, per aprire i Sigilli, e via dicendo. Ma per quanto riguarda ulteriore rivelazione di Cristo, Egli è riconosciuto proprio Qui. Egli è la pienezza di Questo, della Rivelazione (Apocalisse). Ora, notate: Egli non fallisce mai; però la Parola viene al profeta.

 

19 Guardate a Giovanni, il profeta, mentre sta nell'acqua, predicendo che il Messia proprio allora era in mezzo a loro. Egli disse:

 C'è Uno che sta tra di voi ora, che voi non conoscete; Egli vi battezzerà con lo Spirito Santo e col Fuoco.

 Ora, ricordatevi, la Bibbia dice che Egli stava proprio in mezzo a loro, ed essi non Lo riconobbero. Un giorno, quando Gesù venne giù camminando, Giovanni Lo riconobbe, ed egli disse:

 Ecco l'Agnello di Dio che toglie il peccato del mondo!

 Ora, osservate: prima che Egli fosse riconosciuto da alcuno, Egli venne al profeta. Egli era la Parola. Giovanni era il profeta.

 

20 Io ricordo che il mio vecchio maestro Battista mi disse: “Sai cosa accadde?”. Disse: “Gesù battezzò Giovanni”.

 Io dissi: “Non penso che sia così”.

 

21 Egli disse: “Certo, Giovanni non fu mai battezzato; egli venne predicando, battezzando; nessuno era degno di battezzare lui. Fu Gesù a battezzarlo”.

 Io dissi: “Non lo so”.

 

22 E un giorno, mentre studiavo, lo Spirito Santo lo rivelò in questo modo, vedete. Osservate: Egli andò là, nell'acqua. Egli disse: “Perché vieni Tu da me? Sono io che ho bisogno di essere battezzato da Te”. Gesù disse: “Lascia fare per ora”, osservate, “perché così ci conviene (è necessario che noi) adempiere ogni giustizia”. Giovanni, essendo un profeta, conosceva la Parola! Egli era il Sacrificio, e doveva essere lavato prima di essere presentato. Dunque Egli fu battezzato, Giovanni Lo battezzò, poiché: “Ci conviene adempiere ogni giustizia”. La Parola venne al profeta, nell'acqua.

 

23 E dunque quando Egli fu battezzato, la gente continuava... E lo Spirito Santo venne giù, ma non tutti Lo videro. Ma Giovanni Lo vide.

 

24 L'Angelo del Signore potrebbe essere qui questa sera, e forse Lo vede solo una persona, e nessun altro.

 

25 Quella Luce, quella Stella che i magi seguirono, passò sopra ogni osservatorio e nessun osservatorio seppe qualcosa a riguardo, nessun altro La vide, nessuno, eccetto che quei magi, poiché a loro fu dato di vederLa. Essi La videro. Essa per loro era reale.

 

26 Quando la Luce, la Colonna di Fuoco, colpì Paolo sulla via per Damasco, egli riconobbe di trovarsi nella Presenza di Dio. Ora, quell'ebreo non avrebbe mai chiamato alcun altro spirito “Signore”, se non avesse riconosciuto che Quella era la stessa Colonna di Fuoco che guidò la sua gente fuori dal deserto. Egli disse: “Signore, chi sei Tu?”.

 “Saulo, Saulo, perché Mi perseguiti?”. Egli disse: “Io sono Gesù”.

 

27 Gesù disse: “Io vengo da Dio e ritorno a Dio”. Egli era quel Fuoco che fu nel pruno ardente, che guidò Mosé attraverso il deserto; ed Egli ritornò in Quello.

 

28 Ed ora, eccolo qui sulla via per Damasco, gettato a terra. E tutti gli uomini che erano con lui non videro affatto quella Colonna di Fuoco. Ma Essa era così reale per Paolo tanto che gli accecò gli occhi, ed egli dovette essere guidato giù lungo la via detta Diritta, a Damasco. Egli era cieco!

 

29 Anania, un profeta che si trovava giù di là, vide una visione, andò e gli impose le mani ed egli ricevette lo Spirito Santo, e le scaglie caddero dai suoi occhi ed egli poté vedere di nuovo. Essa era così reale per lui tanto che gli accecò gli occhi; eppure nessuno degli altri riconobbe che Essa era lì, né poté vederLa.

 

30 Così è questa sera! C'è qualcuno seduto là che può portare Dio sulla scena, mentre l'altro non sa niente a riguardo. Riconoscere Dio!

 

31 Gesù, quando Egli era qui sulla terra, adempì pienamente il segno che la Bibbia disse che Egli avrebbe fatto, però essi non lo riconobbero perché ciò non era secondo la loro tradizione. Per quella epoca, Egli non doveva venire per fare ciò che fece Mosé. Egli doveva venire e nascere da una vergine. Ed Egli, secondo Deuteronomio 18:15, doveva essere un Profeta. Ed Egli fece esattamente quelle opere e segni.

 

32 I Giudei cercavano sempre segni. Ad essi fu insegnato di non basarsi mai sui discorsi intellettuali; i Giudei conoscevano di meglio. Quello lo insegnavano i Greci. Però, non sui discorsi intellettuali, ma sui segni. “Mostraci un segno”. Questa gente una volta disse: “Rabbi”, o Maestro, “mostraci un segno”. Essi volevano conoscere. Ma Egli aveva già mostrato loro il segno; però essi volevano un diverso tipo di segno. Però Egli poteva fare solo il segno di quella epoca!

 

33 Così fa Egli oggi! Questa effusione dello Spirito Santo è un segno della Sua apparizione! Perfino in questa epoca, come Egli ha promesso.

 

34 Essi volevano un segno. Ed Egli dette loro il segno Scritturale, però essi volevano un segno diverso.

 

35 Ecco dove oggi così tante persone saranno confuse! Sapete, il Rapimento potrebbe aver luogo e... Pensate semplicemente quanto ciò sarà triste!

 

36 Lasciate che ritorni a quando Gesù, anzi Giovanni, mandò su i suoi discepoli per vedere se Gesù fosse il Messia o no. In quella stessa ora Egli fece molte cose. Quando essi, i discepoli, tornarono indietro per dire a Giovanni ciò che essi avevano visto, Gesù disse a coloro che sedevano là: “Che cosa siete andati a vedere nel deserto? Che cosa siete andati a vedere quando Giovanni stava predicando? Siete andati a vedere un uomo avvolto in vesti bianche e morbide, e via dicendo?”. Disse: “Essi sono nei palazzi dei re. Essi seppelliscono i morti, e baciano i bambini, e sposano i giovani, e via dicendo. Essi non sanno cosa sia maneggiare una Spada a due tagli”.

 

37 Disse: “Che cosa siete dunque andati a vedere, una canna sbattuta da qualunque vento?”. Qualcuno a cui qualche gruppo offre un po' di soldi in più ed egli va su da questo anziché andare secondo la chiamata del Signore? Non Giovanni! Qualcuno che lo si avrebbe potuto abbindolare, dicendogli: “Noi ti daremo più soldi se tu rinneghi Questo e prendi questo”? Non Giovanni! Egli disse: “Che cosa siete dunque andati a vedere, un profeta?”. Egli disse: “Io vi dico, `più che un profeta'. E se lo volete accettare, questi è colui del quale il profeta disse, `Ecco, Io mando il Mio messaggero davanti alla Mia faccia, il quale preparerà la via'”. E ciò fu detto in Malachia 3.

 

38 Un giorno i discepoli Gli chiesero, dicendoGli: “Perché gli Scribi dicono che prima deve venire Elia?”. Gesù disse: “Egli è già venuto e voi non lo avete conosciuto”; ed essi compresero che egli era Giovanni il Battista. Quegli apostoli eletti non riuscivano ancora a vedere chi egli fosse! Quello era l'Elia.

 

39 Ora, guardate, voi sapete che la Venuta del Signore sarà una venuta segreta. Egli disse: “Due saranno nel letto, ed Io ne prenderò uno e lascerò l'altro”; questo avviene dov'è notte. “Due saranno nel campo, Io ne prenderò uno e lascerò l'altro”.

 

40 Sapete che ci sono molte persone che ogni giorno spariscono dalla faccia della terra senza che nessuno se ne renda conto? Uno di questi giorni la gente potrebbe dire: “Ebbene, intendi dire che la cosa che ora è su di noi sia la tribolazione? Io pensavo che la Chiesa se ne andasse prima della tribolazione!”. Essi non si rendono conto né comprendono che il Rapimento potrebbe aver luogo senza che loro ne sappiano niente a riguardo. L'andar via della Chiesa è un segreto!

 

41 E, pensate: la gente continuerà ad andare avanti predicando, dicendo che essi credono che essi hanno dei salvati, degli aggiunti alla chiesa, e costruiranno chiese, e andranno avanti proprio come essi fecero ai giorni di Noé, e via dicendo, senza sapere che il Rapimento è già passato! “Esso è già avvenuto e voi non lo sapevate”. Ci sono centinaia di persone che spariscono dalla terra e la gente non sa niente dove esse siano andate, essi non sanno spiegarselo; alcuni stavano andando da qualche parte, ed essi non hanno più sentito di loro. E quello potrebbe essere il Rapimento!

 

42 Ve lo dico io, amici: non perché siamo membri della chiesa, o qualcosa di simile, che ciò vuol dire qualcosa per noi. È meglio che tu indossi quella armatura! È meglio che tu prenda l'intera Parola di Dio e ti tenga aggrappato ad Essa, e smetta di agire qui attorno da Hollywood! Esso è entrato dritto nella chiesa, e ciò è una vergogna! Ma gli splendori di Hollywood non fanno altro che solo una luce più brillante; e la chiesa oggi sta cercando di paragonarsi ad Hollywood. Cristo non è in Hollywood! Cristo è nell'individuo! Hollywood splende, anzi Hollywood abbaglia, mentre il Vangelo splende con umiltà. Dio non è in questi grandi e stravaganti luoghi e in tutta questa roba che noi vediamo. Egli viene in umiltà, in forma di mansuetudine e gentilezza, e passa proprio accanto, e se tu sei familiare con la Parola, tu Lo vedrai.

 

43 Colui che ha occhio per vedere, per ascoltare: “Che ascolti ciò lo Spirito dice alle chiese”, vedete? Or dunque oggi, ciò che fu identificato...

 

44 In quel giorno Egli identificò completamente Se Stesso ai credenti, a coloro che Lo stavano aspettando. Guardate a Pietro e Andrea. Guardate a Natanaele; nessun dubbio nella sua mente. Guardate alla donna al pozzo; non aveva alcun dubbio a riguardo.

 

45 Ma questi Farisei, alcuni giorni prima da dove abbiamo preso il nostro testo di questa sera, videro Lui che faceva questo, e Lo chiamarono: “Beelzebub, un diavolo”. Le opere erano state fatte. Essi dovevano rispondere alla loro congregazione, così l'unica cosa che essi potevano fare era di chiamarLo “un cattivo spirito”. “Beelzebub” era un diavolo, un dicitore di buona ventura, o qualcosa di simile. E tutti sanno che dire la fortuna è dal Diavolo. Ed essi lo stavano paragonando...quando invece Egli era la Parola che conosceva il segreto del cuore e stava provando che Egli era quel Profeta che doveva essere suscitato in questo giorno per noi, il Redentore-Profeta. E quando Egli fece ciò, la chiesa, in quel giorno, Lo dichiarò essere “Beelzebub”.

 

46 Vedete che cosa essi erano? Egli disse: “Voi siete ciechi, guide di ciechi!”. Essi non vogliono entrare e non lasciano entrare nemmeno coloro che sono sotto di loro.

 

47 Ciò che noi oggi vogliamo fare è di trovare la Verità! Noi dobbiamo conoscere la Verità! è Egli lo stesso? è Egli qui per adempiere ciò che Egli ha promesso di adempiere? Investigate le Scritture, per vedere ciò che si ritiene che Egli debba fare “oggi”!

 

48 Questa è la ragione per cui Giovanni Wesley, anzi Martin Lutero, non poté andare avanti con il messaggio di Wesley; essi lo organizzarono. Questo è tutto ciò a cui esso poté arrivare. Si fece avanti Lutero, uscì dalla Chiesa Cattolica, e lui loro... Egli per loro era un eccentrico; però egli aveva il messaggio della giustificazione, poiché ciò era la Parola di Dio, una promessa. Poi essi, dopo la sua morte, organizzarono la organizzazione luterana. Dunque, cosa accadde? Essa si chiuse di nuovo.

 

49 E, secondo la Scrittura, ci deve essere un'altra epoca della chiesa che viene su, l'Epoca della Chiesa Filadelfiana, e, quando essa lo fece, suscitò Giovanni Wesley. E ciò che avvenne, continuò a venire sempre verso l'occidente. E quando ciò avvenne, ecco lì l'epoca della chiesa, e Giovanni Wesley venne su, ma i luterani non poterono riceverlo perché essi si erano già organizzati alla giustificazione. Essi non poterono accettare la santificazione.

 

50 Poi quando i Wesleiani si organizzarono nel modo in cui fecero, e dei piccoli rami uscirono, cosa che avvenne, ed ecco farsi avanti il messaggio Pentecostale della restaurazione dei doni; ma nessuno di quelli si mosse. essi erano già organizzati!

 

51 Ora la parte pietosa di questo è che pure i Pentecostali si sono organizzati!

 

52 Guardate al giorno in cui noi stiamo vivendo, a ciò che è promesso per questo giorno! Dove siamo noi? Noi siamo andati avanti! La Colonna di Fuoco si spostava, e i figli d'Israele o si spostavano insieme alla Colonna di Fuoco o se ne tornavano indietro in Egitto. noi dobbiamo spostarci assieme alla Parola!

 

53 E oggi noi stiamo diventando così pigri, la chiesa sta diventando così mondana e così indifferente, e le loro menti sono così intontite con la televisione, e con Noi Amiamo Sucy, e alcune di queste vecchie cose; e rimangono a casa. Questo mostra dov'è il cuore della gente! E tu puoi ben dire loro che queste cose sono sbagliate, ma essi pensano che tu sei pazzo. Che cos'è? “Amanti dei piaceri più che amanti di Dio”. Vedete? [Noi Amiamo Sucy deve essere stato un programma televisivo—n.d.t.]

 

54 Oh, il più grande piacere che io conosca è di stare in preghiera fino a quando io possa realizzare di essere nella Presenza di Dio, e di riconoscerLa! Io penso che questo dovrebbe essere lo stimolo della chiesa, cioè la Presenza dello Spirito Santo; vedere stare in mezzo a noi l'Iddio che ha fatto la promessa, sentire la Sua Presenza e vedere la Sua Parola, e vederLa confermata. Ciò dovrebbe darci fede tanto da far sì che gli zoppi camminino, i ciechi vedano, i sordi odano, e i muti parlino!

 

55 Io stavo in Sud Africa, dove ebbi qualcosa come duecentomila persone, allo stadio di Durban; e quando essi videro una sola volta ciò che avvenne, dopo che ciò era stato loro spiegato in semplice e dolce maniera, ed essi videro accadere una cosa che venne rivelata, venticinquemila persone vennero istantaneamente guarite in una sola volta! Essi riempirono sette camion, camion lunghi quanto da qui e...di sedici o diciotto ruote, qualcosa così, e li riempirono di vecchie stampelle, ed altro. Pagani, che non sapevano persino distinguere la destra dalla sinistra!

 

56 E il giorno seguente il sig. Sidney Smith, il sindaco di Durban, mi chiamò e mi disse: “Vada alla sua finestra, dalla parte dell'Oceano Indiano, e lei vedrà qualcosa che non ha mai visto”. E lì c'era la polizia che veniva giù scortando sette di quei grandi camion, e centinaia di persone che il giorno prima erano state sulle loro stampelle e lettighe e barelle, li seguivano cantando: “Solo abbi fede, tutto è possibile”. Una settimana prima di ciò, essi erano in guerra gli uni gli altri, guerra tribale. E lì ora essi stavano camminando fianco a fianco, a braccetto!

 

57 Perché? Perché essi riconobbero che l'Iddio del Cielo era apparso davanti a loro nella forma della Sua Parola! Noi Americani intellettuali invece stiamo seduti come... Essi risusciteranno nel Giorno del Giudizio e condanneranno questa generazione, a motivo di quello che noi abbiamo visto.

 

58 Mi ricordo di una donna in Louisville, nel Kentucky, non molto tempo fa, che col suo piccolo bambino andava attorno in un grande magazzino. Ed ella stava facendo di tutto per cercare di attirare l'attenzione del piccolo bambino che continuava ad essere irrigidito. E infine ella prese su una piccola campana; ogni cosa che potesse attirare l'attenzione di un piccino come quello. Ed ella agitava quella campana, e il piccino le stava proprio lì davanti, immobile. E lei cominciò a gridare, e svenne, e alcune delle persone vennero ad aiutarla. Ella disse: “Oh, no, non è possibile! Non è possibile!”.

 Dissero: “Cos'è che non va?”.

 Disse: “Il dottore disse che il bambino stava meglio”.

 Dissero: “Cos'è che non va con il bambino, signora?”.

 

59 Disse: “Beh, circa sei mesi fa egli prese il malocchio, e ciò lo fa semplicemente sedere e lo immobilizza. Non importa ciò che si fa per attirare l'attenzione del bambino, non c'è niente che attira la sua attenzione; egli proprio si siede e rimane immobile. Il dottore mi disse che pensava che stesse meglio, e io l'ho portato giù qui per prendere dei piccoli giocattoli che potessero attirare l'attenzione del bambino, e invece non c'è niente da fare. Egli continua a sedersi e a rimanere immobile”.

 

60 Questo è il modo in cui sta diventando la chiesa! Dio ha agitato davanti a loro ogni promessa della Bibbia, eppure noi semplicemente ci sediamo e restiamo immobili, guardando cosa? “Vuoi tu mostrarmi un segno?”. E ciò va avanti da sempre, portando proprio attorno a noi la Presenza di Dio. Essa dovrebbe illuminarci! Dio fece una Promessa, ed Egli sta a fianco a quella promessa. Sissignore!

 

61 Nonostante Gesù avesse chiaramente provato il Suo segno Messianico, che Egli era il Messia, eppure, nonostante tutto ciò: “Mostraci un segno!”. Vedete, essi non Lo riconobbero; essi erano immobili, guardavano fisso avanti a loro. Il credere non era in loro.

 

62 “Tu”, come soleva dire la mia vecchia madre sudista, “tu non puoi tirar fuori sangue da una rapa, poiché là dentro non ce n'è”.

 

63 Essi continuavano a non riconoscerLo, poiché erano accecati dai loro credi che essi avevano in quel giorno, e via dicendo. Essi non conobbero mai le Scritture della promessa, poiché i credi l'avevano coperta! I loro credi e tradizioni di quel giorno avevano coperto la Scrittura promessa. Se essi fossero stati ammaestrati secondo la Scrittura che quello sarebbe stato il segno che seguiva il Messia...

 

64 Quanti credono che Egli venne nel Suo giusto segno? Certo che Egli lo fece; Egli venne secondo la promessa. Ma ad essi era stato insegnato un credo: “Noi crediamo in questo, e noi crediamo in quello”. Tutti loro credevano in Dio. Tutti loro...

 

65 Oggi noi, in particolare noi Americani, pensiamo che saremo scusati perché costruiamo grandi chiese, ed abbiamo dei bravi pastori, ed altro. Ricordatevi, se ciò fosse così, Dio sarebbe ingiusto se Egli ci portasse dentro in questo modo. Poiché, Caino ed Abele, i due primi adoratori fuori dall'Eden, costruirono un altare al Signore. Entrambi loro fecero sacrificio, entrambi loro offrirono doni, entrambi loro pregarono; però uno era nel giusto e l'altro era nell'errore. Notate: noi dobbiamo avere la Verità, e la Verità è la Parola di Dio, sempre. Ora, oggi è la stessa cosa; la gente è diventata così cieca! Essi dicono...

 Io dico: “Sei tu un Cristiano?”.

 

66 “Oh! io appartengo alla tale-e-tale cosa”. Vedete, ciò non ha niente a che fare con questo. Io non ho niente contro a ciò, però questo non è ciò che io sto cercando di dirti. Appartieni a qualunque chiesa tu vuoi; la tua etichetta non fa alcuna differenza.

 

67 Io stavo dicendo al pastore questa mattina che, su nel Colorado, io ero solito guidare la mandria, e via dicendo. Ed io ero solito sedermi là, con le mie gambe appoggiate alla sella, in questo modo, nei pascoli dell'Associazione Hereford, nella valle del Fiume Troublesome. Dunque tu arrivi in cima alla valle, e arrivi alla biforcazione tra Est e Ovest. Tutti gli armenti dell'Associazione da qui in su, pascolavano la parte ovest, e il gruppo col quale ero io pascolava la parte est. Dunque essi avevano lo steccato per tenere gli armenti fuori dalla proprietà privata, su, sulle montagne, durante l'estate.

 

68 E noi conducevamo su l'armento, sul fiume, con quattro o cinque diversi marchi, otto o dieci diversi marchi. In primavera raccoglievamo il nostro bestiame e lo portavamo su di là. Ed io ero solito sedermi là, con le mie gambe appoggiate sul corno della sella, dopo che avevamo raccolto tutto il bestiame. Essi erano tutti marchiati ed altro, e cominciavamo a spingerli nel pascolo.

 

69 E il controllore stava là; egli li contava man mano che essi passavano. Ed io notai che vi erano diversi tipi di marchi. Il sig. Grimes aveva il Diamond Bar, e proprio più in su di noi aveva il Turkey Track. Noi avevamo il Vecchio Tripod; e vi furono diversi marchi che passarono di là. Ma il controllore non faceva caso al marchio. Egli stava attento alla targhetta del sangue che era nell'orecchio. Non c'era niente che potesse andare su quel pascolo; per mantenere puro l'allevamento, e far sì che il loro armento restasse di razza pura, niente poteva andare là dentro se non che la pura razza Hereford. Essa doveva essere etichettata nell'orecchio con il marchio del sangue!

 

70 Questo è il modo in cui sarà al Giudizio! Egli non mi chiederà se io fui un metodista, battista, presbiteriano. Qualsiasi marchio io abbia, per Lui non significa niente! Nient'altro che uno nato di nuovo, un Cristiano nato dal Sangue, dal Sangue di Gesù Cristo; quello è colui che andrà dentro! Senza Quello nessuno andrà dentro. Or questo noi dobbiamo ricordarcelo!

 

71 Ora, quando Egli non è riconosciuto, la Sua potenza è sempre non rivelata; quando Egli non è riconosciuto. Non importa quanto Dio sia presente, tu devi crederlo. Questo è tutto.

 

72 Come la donna con il flusso di sangue. Tutta la gente passava a fianco, e tutti loro stavano in piedi, dicendo: “Ecco lì il Rabbino! Quello è il Ragazzo che pretende di essere un Profeta. Ecco qui il fanatico!”, ed altro di simile.

 

73 Ma, cosa accadde? Questa piccola donna aveva un flusso di sangue, ed ella aveva sentito parlare di Lui. E quando ella venne giù là ella riconobbe Chi Egli era, nonostante tutto quello che gli altri dicessero. Ella disse: “Se riuscirò anche solo a toccare la Sua veste...!”. Vedete?

 

74 E quando quella genuina fede in Dio divenne per lei una cosa positiva, cosa sprigionò essa? Essa sprigionò la Sua potenza per guarirla. Ella Lo toccò in modo tale tanto che Egli si voltò e le disse ciò che non andava con lei. Disse: “La tua fede ti ha salvata”. Chi lo fece? La fede!

 

75 Altri che stavano lì forse erano più ammalati di lei, però, vedete, ella riconobbe la Sua Presenza! Ella riconobbe che quella era la sua opportunità.

 

76 Se solo noi potessimo fare questo questa sera, gente! Se solo noi potessimo realizzare che Egli ci sta apparendo in queste riunioni, per uno scopo, e cioè: dare a noi i desideri che noi abbiamo in Lui. Però noi dobbiamo riconoscere la Sua Presenza! Ed ora: come riconosci la Sua Presenza? Quando la Parola promessa per questa epoca è resa manifesta. Non la Parola promessa per l'epoca di Mosé, o per qualunque altra epoca. Essa è la promessa della Parola per “questa” epoca!

 

77 Ora noi vediamo che Egli andò dritto avanti, e Iairo, un tale che stava su di là con una figlia morta, credette che ciò che Egli diceva era la Verità. Ora, ricordatevi: egli era un sacerdote, e ciò gli era proibito, poiché era stato  severamente detto che: “Chiunque si associa con Lui sarà cacciato fuori dalla sinagoga”. Ebbene, sia che lui fosse stato cacciato fuori o che non lo fosse, egli era soddisfatto che Dio era presente in Cristo; e quella era la Parola! E cosa fece questo? Ciò sprigionò per lui la potenza della risurrezione che era in Lui. Amen! Riportò in vita una ragazza che era morta e distesa fuori; questo perché egli riconobbe che Dio era in Cristo, e la Sua Presenza era nella sua casa.

 

78 Ma nella città, dove Egli venne allevato, quella stessa potenza era in Lui; nella città in cui Egli venne allevato! Però essi non Lo riconobbero mai. La Sua Presenza, per loro, non significava niente, forse Lo consideravano qualche fanatico. “Dove sono queste cose? Essi mi dicono che Tu fai questo-e-quello. Fammi vedere qui quello che Tu sai fare”.

 

79 Non avete voi sentito questo? “Se là, voi mucchio di pentecostali, e voi gente... Voi credete nella guarigione Divina? Su di qua c'è un tal-de-tali, fatemi vedere che lo guarite!”.

 

80 Quello è quello stesso vecchio diavolo, lo stesso che disse: “Se Tu sei il Figlio di Dio, comanda che queste pietre diventino pane”.

 

81 Lo stesso vecchio diavolo, quando Egli aveva i suoi occhi bendati ed essi Lo colpivano sulla testa con un bastone, disse: “Ora”, si passavano il bastone l'uno l'altro, e dicevano, “dicci chi Ti ha colpito e noi Ti crederemo, se Tu sei un Profeta”. Egli non... Egli non fa il pagliaccio per nessuno.

 

82 Lo stesso diavolo, quando Egli era alla croce, disse: “Se Tu sei il Figlio di Dio, vieni giù dalla croce e prova che Tu sei il Figlio di Dio”. Egli avrebbe potuto farlo.

 

83 Essi là Gli attribuirono il più grande tributo che Egli abbia mai avuto, ma essi non lo sapevano. Essi dissero: “Egli ha salvato altri, e non può salvare Se Stesso!”. Se Egli avesse salvato Se Stesso, Egli non avrebbe potuto salvare altri. Egli dette Se Stesso così che Egli potesse salvare altri. Vedete, essi non riconobbero la Presenza di Dio, tutto qui.

 

84 Ora, Essa sprigiona la potenza per guarire, e, cosa? Essa sprigiona la potenza che apre i tuoi occhi per riconoscere Lui, oppure acceca i tuoi occhi così che tu non riconoscerai mai Lui. Ciò che apre gli occhi di uno, chiude gli occhi dell'incredulo.

 

85 Ma la città... Essi non avevano fiducia in Lui. In casa del fariseo... Egli, Simone, un fariseo, Lo invitò giù, e fece una grande cena, e il fariseo voleva provare loro che Egli non era Profeta. Così egli stava là dietro brindando con i suoi bicchieri e le sue coppe, e la casa era tutta piena di profumi,

 

86 mentre Gesù si mise vicino al servo che lavava i piedi, e si sedette giù lì, sporco, con quel cattivo odore dei campi su di Lui, e sui Suoi vestiti; per via degli animali che erano stati lungo il sentiero. Ecco la ragione per cui in quei giorni essi lavavano i piedi.

 

87 Poiché, vedi, la prima cosa... Quando tu eri invitato in una casa, là, in Palestina, quando essi calzavano quei sandali, la prima cosa che essi facevano era di lavarti i piedi; e poi ti davano qualcosa per camminare sui loro tappeti, su quei grandi e bei tappeti persiani.

 

88 La cosa successiva che essi facevano, era di versarti un po' d'olio nella mano. Esso viene ricavato da una piccola bacca che si trova su in montagna: la bacca di rosa. Dopo che la rosa se n'è andata, essa lascia la bacca e dei bei profumi. Ed essi se li strofinano sulla faccia. Quei raggi diretti del sole palestinese sono orribili, e, vedete, ciò crea un odore. Dunque, quando tu fai ciò, l'ospite allora viene alla porta, ti bacia sul collo e ti dà il benvenuto.

 

89 Come fecero quei servitori a lasciar passare Gesù senza aver lavato i Suoi piedi, né aver dato a Lui l'olio per ungere Se Stesso, né perfino averGli dato il bacio del benvenuto?

 

90 Ma fuori sulla strada c'era una piccola prostituta. Or tutti quei religiosi là, l'intera compagnia, non Lo riconobbero! E una piccola donna di mala fama... Ella guardò là dentro, forse attraverso il cancello, e vide Lui che sedeva come uno che viene ignorato.

 

91 Questo è il modo in cui pure oggi Egli è in mezzo ad un mucchio di religiosi; uno che viene ignorato, non benvenuto, non voluto. “Sporco, sozzo, santo rotolante”, Lo chiamano essi, “una specie di persona che non è sana di mente; un dicitore di buona ventura, telepatia mentale”, o con qualche altra specie di nome malvagio.

 

92 E Gesù — arriverò a questo tra pochi minuti — disse: “Dite una parola contro al Figlio dell'uomo, e ciò vi sarà perdonato; ma quando lo Spirito Santo sarà venuto per fare la stessa cosa, una sola parola contro non vi sarà mai più perdonata”. Vedete?

 

93 Però lì, quella piccola donna, vedendo che Egli aveva bisogno di un servizio, corse prestamente dentro, andò e prese un alabastro pieno di olio. Probabilmente lo aveva comperato con i soldi della sua prostituzione. Ma, cosa la spinse? Ella avrà pensato: “Egli è un—Egli è un Profeta. Però io ricordo un'altra donna che era nei miei stessi guai, un altro carattere come il mio; ella ne ebbe l'opportunità e Lo riconobbe, ed ella fu perdonata! L'altra notte, su di là, al pozzo di Sicar, noi ne abbiamo parlato a riguardo. E se solo io potessi arrivare a Lui...! Io so Chi Egli è, io Gli farò un servizio! Se il resto di loro... A me non importa quello che essi fanno. Io Gli farò un servizio. Io riconoscerò che Egli è il Figlio di Dio!”.

 

94 Ella corse dentro, andò proprio vicino a Lui, ed ella si sentì così colpevole! Quello è il modo in cui un vero peccatore penitente si sente nella Sua Presenza: colpevole!

 

95 E le lacrime cominciavano a cadere, e lei cercava di nasconderle. Esse gocciolavano sui Suoi piedi. Ella stava per ungerLo, però le lacrime gocciolavano sui Suoi piedi. Ed ella cominciò ad asciugarli, e piangeva, e li asciugava con le mani. E i Suoi piedi cominciavano ad essere veramente tutti impiastrati, per via della polvere che era su di essi; e, se lo volete veramente credere, pieni di fetore degli animali che passavano sul sentiero, poiché tutti camminavano sullo stesso sentiero. Ed eccoLo lì, col fetore su di Lui, seduto là, e le lacrime di lei gocciolavano sui Suoi piedi, e lei cercava di asciugarli; e lei non aveva asciugamano!

 

96 Qual'è la bellezza e l'onore di una donna? I suoi capelli. Questa è la ragione per cui molte di voi donne oggi ve li tagliate via. Ciò è sbagliato! Ella prese i suoi capelli e cominciò a lavare i Suoi piedi, e ad asciugarli coi suoi bei capelli, togliendo via da Lui quel fetore, e mettendolo su se stessa, portando il Suo vituperio. Oh! Questo avviene quando tu riconosci Chi sta nella tua presenza. Le nostre sorelle dovrebbero mettere insieme quasi tutte le loro teste, per avere abbastanza capelli per fare ciò! Così là ella lavò i Suoi piedi, e li asciugò con i capelli del suo capo, e baciò i Suoi piedi.

 

97 E quel vecchio Simone stava là dietro, e disse: “Huh! Huh!”. Oh, io lo vedo proprio che esplode! Egli non riconobbe Chi Egli era. Egli disse: “Ve lo dicevo io che Egli non era un Profeta! Se Egli fosse stato un Profeta, Egli avrebbe riconosciuto che tipo di donna Gli sta attorno”.

 

98 Gesù non mosse piede. Egli semplicemente la osservava, ed ella era spaventata.

 

99 Dunque, dopo che Egli attese che ella facesse a Lui il servizio, Egli guardò su, e disse: “Simone, Io ho qualcosa da dirti. Tu Mi hai invitato qui. Tu Mi hai portato qui” — in altre parole, per avere l'asso nella manica — “Tu volevi smascherarMi. Tu volevi provare che Io non sono ciò che sono. E tu, quando Mi portasti qui, avresti dovuto lavare i Miei piedi, ma non l'hai fatto. Tu Mi avresti dovuto dare dell'olio per ungere il Mio capo, però non l'hai fatto. Tu non Mi hai mai dato il bacio del benvenuto. Ma questa donna, sin da quando sono qui, ha lavato i Miei piedi con le sue lacrime, e li ha asciugati con i suoi capelli; e sin da quando sono qui ha costantemente baciato i Miei piedi. Io ho qualcosa contro di te, Simone!”.

 

100 Poi Egli si volse verso lei. Io posso ben immaginare e vedere lei stare là, coi suoi bei grandi occhi e la faccia tutta sporca; grasso e sporcizia della strada sul suo viso. Ed ella pensa: “ho io fatto del male? ho io fatto del male?”.

 

101 Egli disse: “Ed Io dico a lei che i suoi peccati, i quali sono molti, sono tutti perdonati. Va' in pace”.

 

102 Che cosa fu? Ella riconobbe...ella riconobbe la sua opportunità! Vedete? Ella lo fece. Ella fece un servizio a Lui. I farisei non lo fecero. Ella Lo vide e riconobbe la Sua Presenza; e cosa fece Essa? Essa la lavò. Cosa sprigionò Essa per lei? Perdono. Sprigionò per lei il perdono dei suoi peccati. Cosa fece inoltre Essa? Essa sprigionò anche la potenza di Dio, per mostrare a quegli increduli che Egli era un Profeta. Egli sapeva chi ella fosse. Essa sprigionò pure gioia e potenza; e Vita Eterna! Essa sprigionò questo.

 

103 Ma colui che fece sì che quel grosso chiodo venisse infilzato in quei preziosi piedi, non riconobbe mai la Presenza di Dio in Lui. Egli voleva pure che Egli facesse per lui qualche trucco, qualche intrattenimento.

 

104 Questo è ciò che il mondo vuole oggi: un sacco di intrattenimenti. Essi non vogliono il Vangelo. Essi vogliono solo essere intrattenuti.

 

105 E Pilato disse: “Mi piacerebbe vederGli compiere qualche miracolo, o qualcosa di simile. PortatemeLo su di qua”. Fu proprio nella Presenza di Dio, e La mise da parte, perché? perché egli apprezzò l'opinione del pubblico più di quanto apprezzasse avere l'opportunità di essere nella Presenza di Dio! Cosa accadde? La donna fu perdonata, e le fu data Vita Eterna; ma lui perse la sua mente e finì pazzo, e commise suicidio su in Svizzera, annegandosi.

 

106 Ora, fu così preso e portato via dalla opinione popolare di quel giorno, cioè che: “Egli era un Beelzebub; Egli era semplicemente un miscredente; in Lui non c'era niente di vero”, tanto che egli... Cosa fece egli? Egli la perse, perse la sua opportunità nella Presenza di Dio. Egli avrebbe potuto essere perdonato! Egli disse: “Io ho il potere di crocifiggerTi. Io ho il potere di liberarTi”.

 

107 Egli disse: “Tu non hai alcun potere, a meno che ciò non venga da Mio Padre”. Egli avrebbe dovuto saperlo, se egli avesse conosciuto la Scrittura. E lui, essendo un Giudeo, questo lo avrebbe dovuto sapere. Però, vedete, le “tradizioni” gli avevano dato un'insegnamento errato. Questo è il modo in cui è oggi. Se solo egli fosse stato ammaestrato correttamente! Se solo quell'uomo avesse creduto a ciò che le Scritture avevano detto! Però la sua “tradizione” lo aveva allontanato da ciò.

 

108 Lo stesso come avviene oggi! La gente ha il vero Vangelo, dove lo Spirito Santo viene dentro, e la potenza e la gloria di Dio libera i peccatori dal peccato, e li rende liberi, e li battezza nello Spirito Santo, e guarisce gli ammalati, e mostra segni e meraviglie, e la gente se ne va via dicendo: “Ah! Ora, lo sai tu cosa crede la mia chiesa? `Che quello è un nonsenso'!”. Vedi, così tu stai rinunciando! così Tu stai vendendo i tuoi diritti di primogenitura! E sei un altro Esaù!

 

109 Così tanti oggi hanno la stessa opportunità di stare nella Sua Presenza, come essi l'ebbero allora, eppure, a motivo dell'opinione popolare, essi La respingono. Stando questa sera nella Presenza di Dio, amici, noi gente che siamo Cristiani, che stiamo nella Sua Presenza, e siamo ammalati, mi chiedo se noi non rinunciamo all'opportunità di essere guariti tramite il semplice credere in Lui, noi che pretendiamo di credere in Lui, non riconoscendo veramente la Sua Presenza, cioè: ciò che Egli promise di fare oggi.

 

110 Confermato dalla promessa per quel giorno, Gesù stava rimproverando quella generazione perché non credeva al Suo segno Messianico. Noi qui vediamo che Egli li stava rimproverando. Chiamavano Lui un Beelzebub! Forse essi volevano che Egli facesse il segno di Mosé: aprire il Mar Rosso. Essi volevano che Egli facesse il segno di Davide: prendere il trono e il governo. Però non c'era Scrittura che dicesse che Egli avrebbe fatto ciò. Egli doveva essere un Profeta. Egli, quale Re, sta per venire. Allora Egli doveva essere Profeta; ed Egli fece il segno che Dio disse che Egli avrebbe fatto in quei giorni, eppure essi continuavano a volere che Egli facesse qualche segno che piacesse a loro! Vedete?

 

111 Ed io proprio mi chiedo se anche noi non stiamo guardando avanti per qualche cosa che invece è proprio a fianco a noi! Chissà che non avvenga allo stesso modo, cioè, che noi manchiamo la nostra opportunità? Ricordatevi, come i vecchi simboli... I simboli non possono essere rotti. L'ultimo segno, secondo Gesù,... Egli disse: “Come fu ai giorni di Sodoma, così sarà ai giorni quando il Figlio dell'uomo...”, non il Figlio di Dio, “...quando il Figlio dell'uomo viene rivelato”. Guardate qui a dove ci troviamo oggi! Amici, io qui potrei dirvi alcune cose che non è giusto che io vi dica, perché esse potrebbero spaventarvi.

 

112 Io vorrei farvi una piccola domanda, mentre ci fermiamo solo per pochi minuti, prima di continuare con questo servizio. Mi chiedo se posso domandarvi questo.

 

113 Tutti sanno che il mondo si sta posizionando; ogni cosa si sta mettendo in ordine per la Sua Venuta. “Terremoti in vari luoghi; la luna sta sprizzando fuori sangue rosso, o rossa lava vulcanica, dappertutto, coprendola”. Gesù disse di stare attenti a quel segno, negli ultimi giorni. “Il mare che rugge; i cuori degli uomini vengono meno per paura, e perplessità del tempo; angoscia tra le nazioni”.

 

114 Guardate alla perversione che c'è oggi sui film! Guardate a ciò oggi; in California c'è il quaranta per cento d'incremento di omosessuali; affezioni naturali già perdute.

 

115 Guardate a... Guardate oggi come la gente, quelli che chiamano se stessi Cristiani, rimangono a casa ad ascoltare quei caratteri quali Pat Boone, Elvis Presley, Ernie Ford; e quelli che cantano inni alla Domenica guardano a quelle cose!

 

116 Essi li guardano mentre baciano quelle donne ed altro, là fuori, quando nessun uomo dovrebbe mai baciare una donna fino a che egli non sia sposato con lei. Quello è un far venire a contatto le ghiandole maschili e femminili. Sia chiunque sia, ciò è sbagliato! Potenzialmente ciò è un atto sessuale. Quando le ghiandole maschili e femminili si toccano, ciò è un atto sessuale. E ciò viene fatto... Un uomo che bacia un altro uomo sulla bocca, o una donna un'altra donna, ciò Lo fa vomitare. Perché ciò è diverso? Perché potenzialmente esso è un atto sessuale. Proprio così! Esso è un simbolo di Cristo che bacia la Sua Sposa, vedete. Tu non dovresti mai fare ciò!

 

117 Ma guardate oggi a questo, a tutti questi film e robe varie, a questa grande conglomerazione di sbaciucchiamenti e abbracciamenti! Ciò è quasi assolutamente pubblico adulterio, da ogni parte. E la gente è così cieca che non lo vede! Esatto! Ogni cosa è in una condizione sodomitica; Sodomiti da ogni parte.

 

118 La Bibbia dice così tante cose! Guarda a ciò che Egli disse che avrebbe avuto luogo in questi giorni. Guarda alle promesse che Egli ha fatto, che avrebbero avuto luogo in questo giorno. E poi esaminale con ciò che sta avvenendo, e vedrai dove ci troviamo; poi vedrai se Egli è ancora nella Sua Parola o no.

 

119 Essi volevano vedere il segno di Mosé, il segno di Davide. Quello non era per la loro epoca, esso era promesso per l'epoca di Mosé e la loro epoca. La promessa per questa epoca deve adempiersi. Egli lo aveva mostrato loro chiaramente, tramite la Scrittura; e li invitò a investigare la Scrittura, per vedere in quale giorno essi stavano vivendo.

 

120 Egli sta facendo la stessa cosa proprio ora! [Il fratello Branham batte tre volte il pugno sul pulpito—n.d.t.] Investigate la Scrittura! Voi che credete la Bibbia, cos'è che deve accadere proprio qui, prima della Sua venuta?

 

121 Guardate in quale condizione è il mondo! Ora, quello è il mondo. Guardate la chiesa, a dove essa si trova. Guardate a dove essa si trova! “Sviata, tiepida, Laodicea, che rigetta la Parola”. L'intera cosa sta andando nel grande concilio delle chiese, il Concilio Mondiale delle Chiese, formando così il marchio della bestia e tutte quelle cose, cosa che la Bibbia dice che è sbagliato. Eppure i Protestanti sono diretti dritti là dentro, a capofitto, non conoscendo la Scrittura. La loro tradizione! Oh, essi vogliono un uomo forte, ed essi ce l'avranno! Essi fanno di tutto per averlo.

 

122 Egli aveva... Guardate: però Gesù aveva perfettamente dichiarato Chi Egli era; ed aveva provato loro, nella Sua epoca, Chi Egli era.

 

123 E oggi è la stessa cosa! Ora, guardate a... Prendiamo quel passo di Luca 17: “Come fu ai giorni di Sodoma”. Guardate al mondo! Guardate alla chiesa! Una condizione Sodomitica. Guardate a dove si trovava Lot, quando quegli uomini cercarono perfino di sfondare la porta per questi angeli, questi uomini.

 

124 Notate, guardate qui. Lì c'era... Guardate, Abrahamo era su sulla montagna. Egli non era in Sodoma! Quello è un simbolo.

 

125 Ci sono sempre tre classi di persone in una riunione religiosa: credenti, miscredenti, e increduli. Questi tre ci sono sempre. Ed ecco che essi erano lì; c'era l'incredulo Sodomita, il miscredente Lot, e Abrahamo, la Chiesa Eletta.

 

126 Ora, osservate i loro messaggeri, in quel giorno. Due messaggeri andarono giù e predicarono a Sodoma. Essi non fecero alcun miracolo; li colpirono semplicemente di cecità. La predicazione della Parola fa questo.

 

127 Però osservate che tipo di miracolo fece questo Angelo che rimase con Abrahamo. Egli era rivolto di schiena e disse ad Abrahamo che il suo nome era stato cambiato, chiamandolo “Abrahamo” anziché Abramo. Egli non poté avere il bambino fintanto che il suo nome non venne cambiato; lo stesso per Sara. Egli disse loro quale era il loro nome. L'Angelo disse loro questo. Ed Egli disse che avrebbe visitato Sara secondo il tempo della vita.

 

128 E Sara rise a riguardo. E quando Sara rise, l'Uomo con la Sua schiena rivolta verso di lei — l'Uomo che mangiava carne di vitello, che beveva latte di mucca, che mangiava pane; un Uomo, con la polvere sui Suoi vestiti, un viandante; era Dio Stesso! E Abrahamo Lo riconobbe perché Egli conobbe i pensieri che erano nel cuore di Sara che era dietro di Lui — disse: “Perché ha detto Sara in se stessa: “Come possono accadere queste cose?”. C'è forse qualcosa che sia troppo difficile per l'Eterno?”. Vedete? E Sara corse fuori e lo negò. Egli disse: “Sì, tu hai riso”. Or Egli avrebbe potuto togliere immediatamente la vita a Sara, per via della sua incredulità; però, vedete, ella era parte di Abrahamo!

 

129 E la nostra incredulità nella Sua grande manifestazione in questa ora... Noi siamo una parte di Cristo. Egli proprio... Vedete, noi siamo—noi siamo... Vedete, la nostra... Egli—Egli deve sostenerci!

 

130 Ora, notate, non c'è mai stato un tempo nella storia delle epoche della chiesa — ed io conosco un vero studioso a cui sto parlando, uno storico — non c'è mai stato... Io chiederei a qualunque studioso della Bibbia di dirmi di un uomo che sia mai stato mandato all'epoca della chiesa, in questa chiesa, dalla crocifissione di Cristo fino a questo giorno, con un ministero mondiale, che il suo nome finisca con “h-a-m”, come “A-b-r-a-h-a-m”. C’è stato Sankey, Finney, Moody, Knox, Calvin; ma dove mai ci sia stato un “G-r-a-h-a-m” prima, Billy Graham, il grande evangelista là con le denominazioni che sono in Sodoma? Mai! C'è pure un moderno Oral Roberts, là fuori con i Pentecostali; la stessa cosa. Lo sapevate questo?

 

131 Però “h-a-m”... Ora, “G-r-a-h-a-m” è solo sei lettere, però “A-b-r-a-h-a-m” è sette lettere. Sei è il numero d'uomo, l'organizzazione dell'uomo, l'operare dell'uomo; però “A-b-r-a-h-a-m” è sette lettere! Ora, notate, nella Chiesa eletta che viene tirata fuori — non quelle denominazioni, ma affinché la Chiesa Eletta stia fuori — ci deve essere pure in essa un messaggero, in questi ultimi giorni.

 

132 Cosa sta accadendo laggiù? Cosa sta accadendo quassù? Comparatelo con ciò che disse Gesù. Mai prima nella storia noi abbiamo avuto questo. E gli stessi segni sarebbero stati fatti! Non vi rendete conto, amici, e non riconoscete che è Dio che viene giù nel Vangelo, nel Suo popolo, facendo conoscere Se Stesso? Non riuscite a riconoscere l'ora in cui noi stiamo vivendo? Siamo noi semplicemente usciti fuori per battere un pochino le mani, e suonare il piano, e recitare questo, e ci siamo allontanati dalla Parola tanto che siamo divenuti ciechi ad Essa? Certo che non lo siamo. Riconosciamo l'ora in cui stiamo vivendo!

 

133 Pietro, Natan, anzi, Natanaele, e la donna; essi Lo riconobbero. Essi riconobbero il Suo segno, il segno Messianico. Lo stesso è ora, come queste cose che sto dicendo.

 

134 Dunque, a questa epoca, Gesù disse... Ora, osservate, Egli ora si sta riferendo al passato, parlando loro di una epoca. Dio, in qualunque epoca, quando Egli mandò il Suo Messaggio, il quale era la Sua Parola, e Lo identificò per quella epoca, la gente che Lo credette ebbe un tempo meraviglioso. La gente che non Lo credette, finì nel caos. È sempre stato così. Come ai giorni di Gesù, la stessa cosa.

 

135 Osservate ora Lui stare qui. Egli disse: “Come fu ai giorni di Giona, per Giona; poiché come Giona fu nel ventre della balena per tre giorni e tre notti, così sarà per il Figlio dell'uomo”.

 

136 Egli disse: “Una malvagia e adultera generazione andrà in cerca di un segno”. Ora, sapete cosa penso che Egli stesse facendo? Egli stava profetizzando: “Una malvagia e adultera generazione”. [La versione inglese King James riporta “una malvagia generazione” anziché “questa malvagia generazione”—n.d.t.]

 

137 Io mi chiedo se un uomo sano di mente possa negare che noi non stiamo vivendo in una malvagia e adultera generazione, ove omosessuali, perversione, e il tasso di divorzi in America è più alto che in qualsiasi altra nazione nel mondo. E l'intero mondo è finito in un caos! Quasi tre su quattro sono divorziati, nell'arco di dieci anni di matrimonio. Vedete? Pensate a questo! Divorziano, si sposano di nuovo e si sposano di nuovo; divorziano e si sposano di nuovo. “Essi mangiavano, bevevano, si ammogliavano e si maritavano”. Guardate all'ora in cui noi stiamo vivendo! Quando mai si è stati in un simile caos?

 

138 “Una malvagia e adultera generazione andrà in cerca di un segno”, notate, “ed essi riceveranno un segno”. Quale? Questa generazione! “Poiché come Giona fu nel ventre della balena per tre giorni e tre notti, così il Figlio dell'uomo deve stare tre giorni e tre notti nel cuore della terra”. Quale segno riceverà quella malvagia e adultera generazione? Il segno della risurrezione!

 

139 E oggi, dopo duemila anni, noi vediamo ancora Gesù Cristo nella potenza della Sua risurrezione, che sta tra di noi, facendo le cose che Egli fece allora e che promise di fare. “Una malvagia e adultera generazione andrà in cerca di un segno”, chiedendo sempre: “Mostrami questo, e se tu fai questo e fai quello”. Essi ce l'avranno; il segno della risurrezione: “Egli è lo stesso ieri, oggi, e in eterno”; la Parola resa manifesta, che dimora tra di noi. Come dovremmo ringraziare Dio per il Suo grande segno!

 

140 Notate, Egli là si riferì pure a qualcos'altro. Egli disse: “E come la regina del mezzogiorno risusciterà...”, cioè la regina di Sceba. Ascoltate attentamente ora.

La regina del mezzogiorno risusciterà nel giudizio con questa generazione e la condannerà, perché ella venne dagli estremi confini della terra per udire la sapienza di Salomone; ed ecco, qui c'è uno più grande di Salomone.

 

141 Notate, riferiamoci a questo, per alcuni minuti: riguardo a Giona e riguardo a Salomone; Egli stava leggendo la stessa Bibbia che leggiamo noi. Ora, quando l'epoca di Salomone venne su, egli aveva un...egli aveva un dono di discernimento. E tutta la gente, l'intera nazione, lo credeva. Tutti erano di un solo cuore e di un solo accordo. Tutti lo credevano!

 

142 Se ognuno, questa sera, se tutta l'America ritornasse semplicemente a Dio, e credesse Dio, ciò per noi sarebbe la migliore assicurazione; ciò sarebbe meglio di tutti i rifugi antibomba, ed ogni altra cosa.

 

143 Nessuno scherzava con Salomone! Essi avevano paura di lui, poiché egli era un uomo che aveva un dono; e il popolo credeva in lui. Egli era mandato da Dio; e infine essi lo fecero loro re. Tutte le nazioni avevano paura di loro; non per via della loro forza militare, ma perché Dio era con loro!

 

144 E se questa nazione che pretende di essere Cristiana; se solo essa, tutti loro insieme, si stringesse attorno a questo grande dono che ci è stato dato in questi ultimi giorni: lo Spirito Santo di Dio sulla Chiesa! Non il credo; ma lo Spirito di Dio! “Non per potenza né per forza, ma per il mio Spirito, dice l'Eterno”. Lo Spirito Santo, Gesù Cristo in forma di Spirito, su di noi, “Lo stesso ieri, oggi, e in eterno”, facendo vivere questa Parola, ciò che Egli disse che Essa avrebbe fatto.

 

145 Osservate attentamente ora. Oh, la notizia si sparse attorno al mondo! Essi in quei giorni non avevano televisione né radio né altre cose, per cui essa andò di bocca in bocca. E dopo un po' le grandi carovane vennero giù dritte attraverso il deserto del Sahara, fin giù dove ella viveva, cioè a tre mesi di viaggio dalla Palestina. E la fede viene tramite cosa? L'udire, l'udire la Parola di Dio. Ed ella aveva udito circa questa grande riunione che essi stavano avendo su di là. E ogni volta che una carovana veniva da quelle parti, ella chiedeva: “Siete passati attraverso la Palestina?”.

 “Sì”.

 “Oh, cosa mi raccontate a riguardo?”.

 

146 “Oh, esso va oltre ogni comprensione! Tu non hai mai visto un simile discernimento; è proprio come un dio che sta seduto là. Il loro Dio è rappresentato in un uomo, chiamato Salomone”.

 

147 Ebbene, “la fede viene dall'udire”. Il cuore di quella piccola regina cominciò ad aver fame di andare su, per vedere di cosa si trattasse. Vedete, ella era ordinata a Vita!

 

148 Ora, notate. Ora, per poter andare, la prima cosa che ella doveva fare, essendo che era una pagana, era di andare a chiedere il permesso al suo sacerdote. Così io m'immagino vedere lei mentre va su dal suo sacerdote, e dirgli: “Santo padre, io sento che essi stanno avendo un grande risveglio, su là, in Palestina. Io vorrei il permesso per andare su e vedere da me stessa”.

 

149 “Ora, figliuola mia, non vorrai mica mischiarti ora in qualche... Dopo tutto, noi non stiamo cooperando in quel risveglio, per cui tu non puoi andarci. Vedi, quello è semplicemente un sacco di nonsenso! Non c'è niente in esso. Quella gente pretende di aver attraversato il Mar Rosso, ed essi han fatto questo, quello. Non c'è niente di vero in esso! Se qualcosa di simile doveva accadere, essa sarebbe avvenuta proprio qui, nella nostra chiesa”. Noi abbiamo ancora i pagani!

 

150 Così noi vediamo che ella cominciò ad aver fame. Ella disse: “Ora, guarda”, disse lei, “essi mi dicono che su di là il loro Dio è rappresentato in un essere umano, e la sua sapienza sorpassa ogni cosa! Il suo discernimento è meraviglioso!”.

 “Oh, non c'è niente di vero in quello!”.

 Ella disse: “Ma io-io potrei...”.

 

151 “Beh, guarda, tu sei una regina! Tu non puoi associarti con un mucchio di gente come quella. Quella è... Tu non puoi farlo! Quel mucchio di gente è conosciuto in tutto il mondo come religiosi fanatici. Tu ciò non puoi farlo!”.

 

152 Però, vedete, quando Dio va e tratta col cuore umano, non c'è niente che possa fermare quel cuore. Marito, moglie, figli, pastore, niente altro può fermarlo. Quando una persona è veramente affamata per Dio, essa va comunque! Così ella si preparò, fece i preparativi.

 

153 Ebbene, egli avrà detto: “Beh, io ti darò semplicemente... Io dovrò—io dovrò scomunicarti dalla nostra comunità”.

 

154 “Beh, fallo pure! Io ci vado comunque. Io andrò per scoprire da me stessa circa tutto questo, e vedrò”.

 

155 Ella aveva portato su dei rotoli e aveva letto cosa Geova dovrebbe essere, circa i Suoi profeti, e ciò che Egli doveva fare, come la Parola di Dio si sarebbe manifestata, come Essa avrebbe conosciuto queste cose quando Essa veniva rappresentata, velata in carne umana; ciò che Essa avrebbe fatto. Ed ella aveva letto tutte queste cose.

 Così io posso sentire lui che dice: “Ebbene, guarda, il nostro libro dice questo”, disse lui.

 

156 “Sì, guarda, la mia bis-bis-bisnonna stava dentro davanti a questi stessi idoli. Ella stava lì e diceva preghiere, giorno dopo giorno. Non ci fu mai alcun movimento, alcun bisbiglio, o niente altro. Ed io sono stanca di questo vecchio formalismo morto! Io voglio andare a vedere se c'è un Dio vivente”. È male che oggi non abbiamo più di queste regine!

 

157 Così ella si preparò per andare. Ora, ricordatevi, quando ella arrivò a questo punto, quando ella doveva partire, ella ora ebbe una grande difficoltà. Ciò non fu facile come invece lo sarebbe per te. Ora, notate cosa ella dovette fare.

 

158 Qui c'è un'altra cosa che io non voglio tralasciare. Ella disse questo: “Io vado su di là, e porterò dei soldi. Io porterò dei doni. E se ciò è la verità, io la sosterrò. Se essa non è la verità, allora io porterò indietro i miei soldi”.

 

159 Quella donna potrebbe insegnare ai Pentecostali. Sissignore! Essi sostengono là fuori cose che si ridono e si fanno beffa della guarigione Divina, e ciononostante voi sostenete i programmi radio anziché la vostra propria chiesa. Proprio così, deridono e si beffano delle cose in cui voi credete.

 

160 Ma ella disse: “Io me li porto; e se poi ciò non è esatto, io li posso riportare indietro”.

 

161 Ora, ricordatevi, con tutta quella ricchezza là sopra, su quei cammelli... Ed ora, ricordatevi, i predoni d'Ismaele a cavallo erano là fuori nel deserto. Come sarebbe stato facile per loro piombare addosso a quella preda! Ebbene, essi avrebbero potuto uccidere quei pochi eunuchi che erano con lei, prendersi quei soldi e sparire.

 

162 Però c'è qualcosa a riguardo: quando tu sei realmente determinato, e Dio sta rivelando Se Stesso, tu sei determinato a vedere Cristo! E davanti a te non esiste alcun pericolo! Tu non presti perfino alcuna attenzione! Il dottore dice che tu stai per morire, ma tu non ci fai nemmeno caso! Quando tu insisti, è perché sai che Là c'è qualcosa!

 

163 Qualcosa giù in fondo al suo cuore bruciava; la fede in questo Dio! [Parte di nastro vuota—n.d.t.] Tre mesi di viaggio attraverso il deserto del Sahara. Non in una Cadillac con l'aria condizionata! No, no. Ella impiegò tre mesi per attraversare il deserto del Sahara; forse viaggiava di notte e durante il giorno nelle oasi leggeva i rotoli, fino a che ella arrivò.

 

164 Ora, non c'è da stupirsi se Gesù disse che ella si leverà negli ultimi giorni e condannerà questa generazione, poiché alcuni di loro non vogliono nemmeno attraversare la strada; e qui c'è uno più grande di Salomone, lo Spirito Santo Stesso. Vedete, non c'è da stupirsi se lei si leverà negli ultimi giorni e condannerà la generazione.

 

165 Osservate: infine ella arrivò. Ella non venne come fanno molte persone! Alcune persone vengono ad una insolita riunione e... Ella venne, prese i suoi cammelli e andò fuori nel cortile, mise su le sue tende, e decise di rimanere là fino a che non sarebbe stata convinta.

 

166 La maggior parte delle persone viene, si siede forse per cinque o venti minuti, e non appena l'evangelista o qualcuno dice qualcosa che è contrario a ciò che lei o lui pensa, o che il suo credo dice, ecco che se ne va. Vedete, non hanno nemmeno buone maniere! Non c'è da stupirsi se lei condannerà questa generazione. Ella venne per rimanere fino a che fosse stata convinta.

 

167 Io m'immagino il primo servizio quella mattina, quando tutte le trombe suonarono, e il pastore Salomone venne fuori; forse lei era seduta là dietro. Ella disse: “Ora io lo vedrò da me stessa. Io so quello che Geova dovrebbe essere. L'uomo potrebbe avere pretese, ma io lo scoprirò”. Così quel giorno ella era seduta là, e osservava; ed ella vedeva tutti quelli che venivano sul palco. Ella vide che quel discernimento era perfetto.

 

168 Infine diciamo che il suo biglietto di preghiera venne chiamato; probabilmente non fu così, però arrivò il suo momento per venire davanti a Salomone; e la Bibbia dice che, quando ella venne davanti a Salomone: “Dio fece sì che Salomone conoscesse tutti i suoi segreti. Non ci fu nulla che rimase nascosto”. Dunque, su di lei, il miracolo fu fatto!

 

169 Allora ella si volse all'uditorio, e disse: “Tutte queste cose che io ho sentito sono vere, e sono perfino più grandi di quanto a riguardo io abbia sentito!”. Vedete? Oh! In lei non rimase più vita, lei restò senza fiato; poiché qui c'era un uomo che non la conosceva, uno straniero, che rivelò le cose che lei voleva sapere.

 

170 Oh, e Gesù, il Quale era più che Salomone, stava lì! Egli era la pienezza della Deità corporalmente! Egli era il Figlio di Dio nato dalla vergine! Egli racchiudeva in Sé Geova Stesso, manifestato nella carne! E qui Egli stava là nella pienezza, ed essi dissero che non Lo credevano. Un discernimento più grande! Vedete, Egli era Salomone più Davide, più tutto il resto di loro; tutto era in Lui! Tutti i profeti erano racchiusi in Lui; Uno più grande di Salomone!

 

171 E già in quel giorno Egli disse: “Se voi dite quelle parole contro di Me, Io vi perdono. Ma quando verrà lo Spirito Santo, Egli sarà più grande di quanto Lo è ora, quindi ci sarà più condanna!”.

 

172 Ed ecco che qui noi oggi stiamo vedendo che lo stesso Dio fa la stessa cosa! Io credo che nel Giorno del Giudizio ella si leverà e condannerà questa generazione, poiché ella si ravvide e credette il Messaggio che Salomone stava predicando, e credette in Dio. Ella vide qualcosa di reale.

 

173 Sapete qual'è il problema oggi? Ci sono persone, molte persone, persone alle quali apparteniamo, le quali vanno semplicemente in chiesa e hanno un credo. Vedete, essi hanno visto così tanto di falso, così tanto di statuti, e così tanto di bei edifici, e noi... Non lasciamoci mai trascinare in quella specie di cosa arida! Vedi, Dio non dimora in grandi edifici; Egli dimora nel tuo cuore! Vedi, Dio non dimora nell'istruzione intellettuale; Egli è lontano da essa! Egli dimora nell'umiltà, nel tuo cuore.

 

174 Egli dimora nella Sua Parola; e la Sua Parola viene nel tuo cuore e parla da Se Stessa, e dichiara... Egli interpreta la Sua Propria Parola attraverso te. Egli sta cercando di trovare qualcuno di cui possa prendere il controllo, onde mostrare che Egli è ancora Dio. Vedete? Ed Egli è... Egli farà ciò se solo Egli riuscirà ad avere qualcuno a cui Egli possa parlare. Se Egli avesse un'altra donna con un flusso di sangue, Egli direbbe ancora la stessa cosa. Egli potrebbe fare ancora la stessa cosa, fare sapere, dichiarare, che noi siamo nella Presenza di Dio, senza riconoscerLa.

 

175 Mi ricordo di una piccola storia. Forse io ve l'ho raccontata già, non lo so. Potrei raccontarla proprio ora. Come voi tutti sapete, io faccio delle grandi battute di caccia. Ed io mi trovavo su nei boschi del nord; di solito andavo a caccia lassù, sempre. Ed io lassù avevo un amico di nome Bert Call. Egli era un buon cacciatore; era mezzo Indiano. Non avevo mai bisogno di preoccuparmi di lui; egli non si sarebbe mai perso. E noi eravamo dei veri compagni, però lui era l'uomo più malvagio di cuore che io abbia mai visto. Egli proprio non aveva affatto cuore! Egli era solito sparare ai piccoli daini, cioè ai piccoli della cerva, semplicemente per farmi stare male. Ed egli diceva: “Oh, voi predicatori avete un cuore da pollo! Billy, tu saresti un buon cacciatore, se non fossi un predicatore”. Disse: “Tu hai un cuore troppo da pollo!”.

 Io dissi: “Bert, questo non vuol dire avere un cuore da pollo”.

 

176 Ora, non è male uccidere un cerbiatto, se la legge lo permette. Abrahamo uccise un vitello e lo diede a Dio per cibo. Non c'entra quanto esso sia grande o di che sesso sia.

 

177 Però egli lo faceva semplicemente per cattiveria, sparava a quei cerbiatti e se la rideva, se la rideva perché a me ciò faceva male. Ebbene, egli faceva questo.

 

178 E un anno io andai su di là. Or egli aveva inventato un piccolo fischietto, ed egli fischiava come fa un cerbiatto, sapete, come fa per chiamare la sua mamma. E così egli disse: “Ehi, Billy, prima che partiamo questa mattina”, disse, “io voglio mostrarti qualcosa che ho fatto”. Ed egli me lo mostrò.

 Io gli dissi: “Bert, non vorrai mica usare quella cosa!?”.

 

179 Egli disse: “Oh, ma fatti furbo!”. Or egli aveva degli occhi proprio come quelli di una lucertola, come alcune di queste donne che cercano di pitturarsi gli occhi, voi sapete come; in quel modo. Sapete, egli mi guardò, con quegli occhi da lucertola, ed io...ciò mi fece quasi paura.

 Ed io dissi: “Bert, non farlo!”.

 Egli disse: “Oh, voi predicatori col cuore da pollo!”.

 

180 Così noi eravamo... Quella volta io mi ero alzato un po' più tardi, e quelli del nord con le codine bianche... Il vostro mulo-cervo di qui, vi verrebbe addosso; però non così uno di quei piccoli daini. Non appena sente sparare, esso è una... Voi parlate di Houdinì che è un artista nel sapersela svignare; egli è un dilettante in confronto a loro. Così era tardi per sparargli. Quei cervi erano nascosti, poiché si cibavano di notte, al chiaro di luna, e dormivano di giorno. Noi andammo su fino al vecchio Jefferson Notch, dritti su, al Monte Washington. Per terra c'erano circa quindici centimetri di neve, una condizione ideale per vedere le tracce; non vedemmo nemmeno una traccia.

 Egli disse: “Billy, cosa ne pensi?”.

 

181 Io dissi: “Sparando con quel tuo vecchio fucile, li hai tutti spaventati e fatti fuggire da qui!”.

 

182 E così noi andammo su. Dopo un po', circa verso le undici... Noi portavamo sempre uno di quei piccoli thermos pieno di cioccolato caldo. Se ti fai male, o qualcos'altro, esso ti stimola; e un panino. Così erano circa le undici o le undici e trenta, suppongo, quando noi arrivammo ad una radura delle dimensioni di questa arena qui, o questo edificio qui, senza bosco. E così egli si sedette giù, mise il suo fucile contro ad un albero, e poi cominciò a prendere qualcosa qua dietro. Or io pensai che egli stesse per prendere il suo thermos. Io pensai: “Bene, ora si mangia”.

 

183 Di solito noi arriviamo in cima alla montagna e mangiamo, poi uno va in una direzione e uno nell'altra, poi ritorniamo. Or noi conoscevamo bene la strada tutt'attorno, e se noi prendevamo un cervo, noi semplicemente lo appendevamo, così sapevamo dov'era. Poi andavamo e ci aiutavamo l'un l'altro a portarli dentro. Così io pensai che egli stesse semplicemente per mangiare il suo pranzo; e in parte noi l'avevamo già mangiato, poiché eravamo già quasi alla fine del bosco.

 

184 Così egli mise la mano dietro e io cominciai a prendere il mio thermos, prendere il mio cioccolato; e cominciai a tirarlo fuori in questo modo. Ed egli tirò fuori dalla sua tasca quel piccolo fischietto e dette un grande fischio in questo modo; mi guardò di nuovo con quegli occhi da lucertola, e soffiò quel fischietto. E quando lo fece, proprio distante come da qui all'altro lato di questo edificio, una grande e grossa daina saltò su.

 

185 Ora, forse alcune delle nostre sorelle potrebbero non saperlo; la daina è la madre cerva. E, vedete, quel fischio era un piccino che gridava; e questa grande daina saltò su. Or alle undici di giorno, chiunque va a caccia di cervi sa che quello non è il tempo giusto; essi sono a dormire.

 

186 Così essa si alzò e guardò attorno. Io potevo vederla benissimo. Egli mi guardò, e soffiò di nuovo. E, anziché fuggire, essa venne proprio fuori in quella radura.

 

187 Ora, ciò è insolito. Essi non fanno ciò. Qualunque cacciatore sa questo. Essi non lo fanno, non fanno ciò. Però essa venne proprio là fuori. Perché? Perché ella era una madre, e quello era un piccino. Vedete, era innato in lei di essere una madre; e quel piccino...

 

188 E Bert guardò giù, tirò fuori quella cartuccia e la infilò giù in quel calibro trenta-zero-sei; egli avrebbe tirato una fucilata mortale. Ed io lo vedevo che prendeva la mira in questo modo, e sapevo che egli avrebbe trapassato da parte a parte il cuore di quella fedele; un proiettile a rosa di centottanta piombini! Ed io pensai: “Come puoi fare ciò, Bert! Come puoi essere così cattivo, chiamare là fuori quella madre cerva per poi trapassarle il cuore mentre essa cerca di trovare il suo piccino! Come puoi essere così brutale tanto da fare ciò!”. Io stavo pensando questo. Ed io vidi lui che prendeva la mira in questo modo.

 

189 E io non potei...io non potei guardare a ciò. Ciò era proprio troppo. Io credo di avere un cuore da pollo! [Il fratello Branham dice questa ultima frase sorridendo—n.d.t.] Io mi voltai dall'altra parte, e pensai: “Dio, come può egli fare ciò? Come può un essere umano essere così malvagio tanto da fare questo, sparare a quella fedele madre trapassandole il cuore?”.

 

190 Or essa non stava cercando di mettersi in mostra. Essa non stava cercando di dare spettacolo. Essa era una madre! Essa vide il cacciatore che le puntò il fucile, ma forse che essa fuggì? Nossignore! Il suo piccino era nei guai, ed essa stava cercando di trovarlo.

 

191 Ed io mi voltai dall'altra parte, come ho detto, e cominciai... Io dissi: “Signore Iddio, come può egli fare ciò?”. Io aspettai, aspettai, e notai che il fucile non sparava.

 

192 Ed io mi voltai e guardai, e il fucile si abbassava in questo modo. Egli non riusciva più a reggerlo. Egli si voltò; quei grandi occhi da lucertola erano cambiati; lacrime scorrevano sulla sua guancia. Egli gettò il fucile per terra e disse: “Billy, ne ho abbastanza di questo. Guidami a quel Gesù di cui tu parli”.

 

193 Proprio lì in mezzo a quella sponda innevata io lo guidai a Cristo. Perché? Perché egli vide qualcosa di reale; egli vide qualcosa di genuino. “Se essi tacciono, le pietre grideranno”. Quella madre non faceva affatto finta. Ella era una madre genuina. Non importa se si fosse trattato di morte, o cos'altro fosse. Essa stette proprio in faccia alla morte, sapendo che in qualsiasi momento quel proiettile le avrebbe potuto trafiggere il cuore; ma essa era in cerca del suo piccino!

 

194 Oh, se noi fossimo altrettanto Cristiani quanto quella cerva era una madre! Perché? Perché essa era “nata” madre; essa era nata per essere una madre. Noi siamo nati per credere la Parola di Dio. Noi siamo nati per credere Gesù Cristo.

 Chiniamo i nostri capi.

 

195 Quanti proprio ora qui dentro, con la mano alzata, vorrebbero dire: “Fratello Branham, io vorrei essere veramente un tipo di Cristiano quanto quella piccola daina era una madre. Io vorrei che il mio cuore fosse proprio così pieno di Cristo tanto che io possa affrontare qualsiasi cosa, ed essere un vero Cristiano proprio quanto quella cerva era una madre. Io...quello è il tipo di esperienza che io voglio”? Vorreste alzare la vostra mano? Dio vi benedica. Così va bene. Dio vi benedica. C'è ne sono così tanti, da ogni parte. Io sono così grato che voi avete ancora abbastanza di reale; qualcosa in voi che vi fa credere!

 

196 Vedi, cosa sarebbe stato se tu non credevi? Non sarebbe stato ciò pietoso vedere un incredulo in una condizione ove il suo cuore è così duro a tal punto che egli non può più credere affatto? Condannato, finito, perso, e non saperlo affatto? Tu non sai in quale ora quella morte potrebbe bussare alla porta, e tu dovrai partire per l'Eternità.

 

197 E Gesù disse: “Se un uomo non è nato di nuovo”, cioè diventa altrettanto Cristiano quanto quella cerva era una madre, “egli non vedrà mai Dio”. Tu sei finito! Non importa a quante chiese tu ti unisca. Egli stava parlando ad un capo religioso di quel giorno, Nicodemo, un uomo di ottant'anni, e gli disse che egli doveva nascere; egli doveva divenire un tipo di Cristiano come quella cerva là era una madre.

 

198 C'è lì qualcuno che non ha alzato la mano, e che realmente conosce la Presenza di Dio, La riconosce e dice: “Io so che sono nell'errore”? Quando tu realizzi che sei nell'errore, tu stai riconoscendo la Presenza di Dio.

 

199 Però quando tu non sai di essere nell'errore, la Bibbia dice: “Tu sei disgraziato”. In questa epoca, la chiesa sarebbe stata: “Disgraziata, miserabile, povera, cieca e nuda, e non lo sa”.

 

200 Pensa solamente se un uomo o una donna fossero sulla strada; disgraziati, ciechi, poveri, miserabili, e nudi; e tu dici loro che sono nudi, ed essi ti ascoltano; ma cosa se essi sono nudi e non lo credono? Che genere di condizione mentale è quella!

 

201 Ebbene, ora questa è la condizione mentale in cui essa è. La gente è spiritualmente cieca, disgraziata, miserabile, nuda davanti a Dio — peccatori che cercano di coprire se stessi dietro foglie di fico di qualche denominazione — e non lo sa!

 

202 Vorrebbe qualcun altro alzare la mano? Dio ti benedica. Così va bene. Il Signore ti benedica. Prima che tu... Forse tu qui sei un'estraneo, non hai mai visto Dio fare qualcosa. Ma prima che tu veda qualcosa, tu dovrai dire: “Io lo accetto sulla base della Parola. Io so che Uno più grande di Salomone è qui; il grande Spirito Santo di Dio è presente. Io Lo sento. Io Lo credo. Io voglio alzare la mia mano. Io sono un peccatore; io voglio chiedere la salvezza”.

 

203 Padre Celeste, benedici questi che hanno le loro mani alzate. Noi chiediamo che la Tua misericordia sia concessa a coloro che sono peccatori. Forse essi appartengono alla chiesa, ma ciò non significa che essi non siano peccatori. Essi hanno alzato le loro mani, essi vogliono essere salvati. Signore, c'era Qualcosa a fianco a loro; essi lì hanno riconosciuto lo Spirito Santo. Essi hanno riconosciuto che Esso era Dio, ed Esso stava dicendo loro che essi non avevano quella esperienza che dovrebbero avere; ed essi hanno alzato le loro mani.

 

204 Tu dicesti: “Colui che viene a Me, Io non lo caccerò fuori”, ed io so che ciò è vero. Tu dicesti, in San Giovanni 5:24: “Colui che ode le Mie Parole e crede in Colui che Mi ha mandato, ha Vita Eterna; non verrà in Giudizio, ma è passato dalla morte alla Vita. Colui che viene a Me, Io gli darò Vita Eterna, lo risusciterò negli ultimi giorni”. Queste sono le Tue promesse, Padre.

 

205 Io reclamo ognuno di essi. Forse è qualche Cristiano, Signore, che nella vita sta cercando di camminare, che sta cercando ogni giorno di vivere meglio, ed essi vogliono una esperienza di un cammino migliore; anche essi hanno alzato le loro mani. Padre, io prego che Tu li benedica. Fa' che questa sera essi trovino ogni cosa in Cristo, la Parola fatta carne in mezzo a noi. Concedicelo, Signore. Io li affido a Te, nel Nome del Signore Gesù Cristo. Amen.

 

206 Dio vi benedica. E mentre voi siete seduti quieti; un momento, vediamo... Oh, io ora sono andato cinque minuti oltre al mio tempo! Perdonatemi, io non intendevo parlare così a lungo. Lasciatemelo dire, aspettate ancora solo un momento, datemi ancora solo cinque minuti, se volete.

 

207 Quanti sanno ciò che era Dio? Noi sappiamo ciò che la Bibbia dice che Egli era. La Bibbia dice: “Egli è lo stesso ieri, oggi, e in eterno”. E Gesù disse, in San Giovanni, al 14º capitolo, il 12º verso, Egli disse: “Colui che crede in Me, le opere che faccio Io le farà anche lui”. Non colui che è “miscredente”, ma colui che “crede” in Me. È vero questo, miei fratelli ministri? Ciò è vero. Quanti di quelli che leggono la Bibbia sanno che questo è vero? “I cieli e la terra passeranno, ma le Sue Parole non verranno meno”. Egli promise questo.

 

208 Ora, senza dubbio qui tra di voi ci sono persone malate. Io non vi conosco affatto. E per provare ciò che stavo dicendo poco fa, come l'Angelo del Signore, nei giorni scorsi, nei giorni passati,... Gesù disse: “Come fu ai giorni di Lot, così sarà alla venuta del Figliuol dell'uomo”. Riuscite a vedere ciò di cui stavo parlando, quando posizionavo quei nomi ed ogni altra cosa; la chiesa che siede proprio... Riuscite a vederlo? Or io sono certo che voi avete letto “tra le righe” le cose che io non ho detto; voi sapete cosa intendo dire. Ora, se voi gente qui dentro che siete malati e bisognosi, io sono...

 

209 Che ragione ho io per stare qui? Quale vantaggio avrei io a stare qui quale un seduttore? Se stessi facendo ciò, allora è tempo per me di... Io non desidererei più vivere! Io piuttosto preferirei morire! Io piuttosto andrei fuori per essere qualsiasi altra cosa, piuttosto che essere un seduttore. E cosa farebbe Dio a me? E io non so se vivrò per tutta questa notte, come non lo sai tu. Ma, un seduttore... Noi vogliamo essere... A che serve essere un seduttore, quando puoi essere un genuino? Ma, vedete, ciò per voi è così strano!

 

210 Ora, guardate, se io affermo che queste Scritture devono adempiersi — quelle che ho letto e mostrato a voi nelle due scorse sere, ciò che Gesù era, e ciò che è ora la Sua Presenza — e si suppone che Egli debba ritornare negli ultimi giorni (questo noi lo sappiamo) attraverso carne umana, e dichiarare Se Stesso allo stesso modo (tutti noi sappiamo questo; siamo noi coscienti di ciò? Se è così dite “amen”, [La congregazione dice: “Amen!”—n.d.t.]), ebbene, ora per il vostro conforto, io vi dico, dico a voi questo nel Suo Nome: Egli è qui! Egli è lo stesso Dio che venne giù e parlò ad Abrahamo, e che mentre aveva la Sua schiena rivolta verso la tenda, e Sara era dentro la tenda, conobbe ciò che lei stava pensando.

 

211 Egli disse la stessa cosa, quando Egli venne qui. Egli guardò sull'uditorio e percepì ciò che c'era nel loro cuore. Una donna toccò la Sua veste; Egli guardò attorno fino a che la trovò, e glielo disse.

 

212 Il cieco Bartimeo toccò la Sua veste quando, distante duecento metri da dove Egli stava passando, gridò: “Tu, Figlio di Davide, abbi pietà di me!”. La sua fede fermò il Figlio di Dio, sulla strada, che si voltò e disse: “Portatelo qui”.

 

213 Il piccolo Zaccheo era su nell'albero; è detto che egli si nascose, per cui pure lui non credeva che Egli fosse un Profeta. E Gesù venne dritto lì, si fermò sotto l'albero e guardò in alto, e disse: “Zaccheo, vieni giù”; lo chiamò per nome.

 

214 Gesù non aveva mai visto Pietro, e Andrea lo portò su di là. Quando Egli lo vide che veniva, disse: “Il tuo nome è Simone. Tu sei il figlio di Giona”; gli disse il nome, gli disse chi egli era.

 Disse a Natanaele dove si trovava, cosa aveva fatto.

 

215 Alla donna disse in quale condizione si trovava, quale era il suo problema, quale era la sua malattia.

 

216 Quello è Dio, amici! Quanti di voi credono con tutto il loro cuore, dite: “Quello deve per forza essere Dio!”?

 

217 Quanti di voi qui sanno che io non so niente di voi, alzate la vostra mano, dicendo semplicemente: “Io so che quell'uomo non sa niente di me; egli è semplicemente...semplicemente un uomo”? Quello è ciò che sono: semplicemente il vostro fratello. Io sono qui per cercare di aiutarvi.

 

218 Ma io dichiaro... Quanti hanno letto il mio libro? Voi lo sapete; credete voi che questa sia la Verità? Questi sono gli ultimi giorni! Ed ora, che il Signore Gesù ci aiuti.

 

219 E se questa sera Egli viene... Che nessuno di voi si muova. State semplicemente seduti sulle vostre sedie dove vi trovate, e credete. Il Signore Gesù questa sera verrà e confermerà queste cose che Egli ha detto, queste cose che Egli ha promesso. Se Egli confermerà che esse sono Verità, crederete voi in Lui? [La congregazione dice: “Amen!”—n.d.t.]

 

220 Padre Celeste, io ora ho parlato di Te, ciò che Tu eri, ciò che Tu sei; vorresti ora Tu venire avanti sulla scena? E queste persone sono sedute là nell'uditorio, perfettamente estranee; vorresti Tu fare conoscere Te Stesso a noi questa sera, Signore, così che noi possiamo sapere e riconoscere che queste Scritture si sono adempiute, cioè che: “Gesù Cristo è lo stesso ieri, oggi, e in eterno”? Poiché, se noi stiamo vivendo negli ultimi giorni, ed Egli disse che avrebbe rivelato Se Stesso negli ultimi giorni come Egli fece a Sodoma prima che il figlio promesso arrivasse ad Abrahamo, la stessa cosa dovrebbe aver luogo ora mentre il seme reale di Abrahamo è in cerca del Figlio Reale. E vediamo perfino le condizioni, il tempo, i nomi, ed ogni cosa è perfettamente in linea. Padre, aiutaci, ti preghiamo, nel Nome di Gesù Cristo. Amen.

 

221 Io voglio ora che voi preghiate, ognuno di voi. Ogni cosa che non va, chiedetela semplicemente a Lui; Egli è il Sommo Sacerdote.

 

222 Intanto, quanti ministri sono nell'edificio? Alzate le vostre mani; da ogni parte! Io credo che ce ne siano trenta o quaranta. Ora, quanti di voi sanno questo, che il Libro degli Ebrei, nel Nuovo Testamento, ci dice che proprio ora “Gesù Cristo è il Sommo Sacerdote che può essere toccato dalle nostre infermità”? Vorreste semplicemente alzare le vostre mani e dire: “Io so che ciò è la Verità? Che è la Bibbia a dire questo”? Benissimo.

 

223 Dunque, se Egli è il Sommo Sacerdote, Egli è lo stesso ieri, oggi, e in eterno! Per cui, se tu stasera tocchi Lui, Egli agirà come Egli fece per l'addietro. È ciò esatto? [La congregazione dice: “Amen!”—n.d.t.] Come Egli fece ieri.

 

224 Ebbene, quando quella donna toccò le Sue vesti... Tu dirai: “Oh, ma se io potessi...!”. È la tua fede che Lo tocca! Nel fisico, Egli non sentì niente. Fu la fede della donna che toccò la veste. Ora la tua fede può toccare Lui. Credi tu questo?

 

225 Dunque, se la Parola di Dio è resa manifesta, Egli rivelerà quella stessa cosa, e mostrerà la stessa cosa. Credete voi questo con tutto il vostro cuore? [La congregazione dice: “Amen!”-n.d.t.] Bene, abbiate ora semplicemente fiducia in Lui, credete Lui. Non dubitate, ma abbiate fede in Dio, ed Egli lo farà. Qualcuno da questa parte... Pregate e credete con tutto il vostro cuore! Qualcuno in questa direzione... E se Dio è infallibile con una o due persone che voi conoscete, quanti di voi allora crederanno che noi riconosciamo la Sua Presenza? [La congregazione dice: “Amen!”-n.d.t.] Dunque questo è tutto ciò che necessita. Questo è tutto ciò che necessita.

 

226 Quella signora seduta là, che guarda a me, soffre di problemi al cuore. Credi tu che Dio guarirà il cuore, e ti ristabilirà? Tu hai problemi al cuore. Se ciò è esatto, alza la tua mano. Ti sono io estraneo? Non ti conosco? Però ciò è verità! Benissimo. Tu, la signora coi capelli grigi che è seduta là. Benissimo.

 

227 La signora con il verde... Tu hai alzato la mano; tu—tu... Il tuo problema è artrite. Credi tu che Dio ti guarirà da questa tua artrite? Se ciò è esatto, alza la tua mano. Vedete? Benissimo. Questo avviene semplicemente per suscitare... Ora, Qualcosa è venuto su di te, non è vero? Vedete, quella Luce... Quanti hanno visto la foto di quella Luce? EccoLa sospesa lì, proprio sopra la donna. Tutto ad un tratto un dolce sentimento è sceso su di te. Questo è ciò che Essa ha fatto, vedi? Dio ti benedica, ti guarisca, ti faccia star bene. Credi tu questo?

 

228 Credi tu che Egli sa ciò che non va con te? Solo Lui può guarirti. Essa è un'ombra nera: epilessia. Se ciò è esatto, alza la tua mano giovane signora. Tu pensi un po' diversamente di quanto pensavi un momento fa, non è vero? Hai visto quando io interruppi quella chiamata? Questo è ciò per cui avvenne; ciò fu per te. Se ora tu credi con tutto il tuo cuore, quegli incantesimi ti lasceranno. Lo accetti tu e Lo credi con tutto il tuo cuore? Dio ti benedica. Vai, crediLo.

 

229 Questa signora che siede proprio qui, soffre di problemi allo stomaco. Credi tu che Dio ti possa ristabilire? Proprio qui, alla fine; credi tu che Dio ti possa guarire, possa ristabilirti dal tuo problema allo stomaco? Lo credi? Lo accetti? Benissimo. Dio ti benedica.

 

230 Io sono totalmente estraneo alla donna, non la conosco. Ella è semplicemente una donna che siede là; però Dio la conosce! Credete ora voi con tutto il vostro cuore? [La congregazione dice: “Amen!”—n.d.t.] Benissimo. Abbiate semplicemente fede.

 

231 La signora che siede qui alla fine, soffre di irritazione alla vescica. Ha calcoli nella vescica, fegato, e ciò ti disturba. Se ciò è esatto, alza la tua mano. Totalmente estraneo a te, è ciò esatto? Huh-huh!

 

232 La signora che siede proprio a fianco a te, pure lei sta soffrendo. Non vedete quella Luce sopra quella donna? La signora ha problemi ai reni. Esatto. Nei reni ella ha del veleno uremico. Se ciò è esatto, alza la tua mano. La signora che ti ha toccato soffre di crisi nervosa. Voi siete entrambe straniere, voi non siete di qui. Ciò è esatto, non è vero? Tu vieni dallo Iowa. Tu vieni dalla città di Des Moines. Ciò è esatto, non è vero? Credi tu che Dio possa dirmi qual'è il tuo nome, come Egli fece con Pietro? Se tu credi con tutto il tuo... Il tuo nome è Signorina Wolff. Se ciò è esatto, alza la tua mano. Benissimo, ritornatene guarita ora, Gesù Cristo ti ristabilisce. [La congregazione comincia a giubilare e a lodare Dio—n.d.t.]

 

233 Riconoscete voi la Sua Presenza? Sapete voi che Egli è qui? Allora, perché non imponete ora le mani gli uni sugli altri, mentre lo Spirito Santo è su di voi? Quello è lo Spirito Santo su di voi! Ciascuno di voi ora può essere guarito, se semplicemente Lo credete. Lo credete con tutto il vostro cuore?

 

234 Padre Celeste, ora non rimane altro che la fede. Noi ora rinunciamo a tutte le tenebre. Quando l'onda del risveglio viene giù sull'acqua, come io dissi all'inizio, essa la smuove e la fa andare su-e-giù, in modo da tirar via da essa l'incredulità. Ora, mentre lo Spirito Santo sta soffiando avanti e indietro sulle persone qui, fa' che tutta l'incredulità sia portata via! Fa' che questa sera la potenza dell'Iddio Onnipotente renda libero ogni sofferente!

 

235 Io sgrido il Diavolo: Satana, tu non sei altro che un millantatore, e tu sei smascherato proprio qui tra le persone, tramite l'evidenza Scritturale del vivente e risuscitato Gesù. Io ti comando, per l'Iddio vivente, vieni fuori da questa gente, e lasciali andare, per la gloria di Dio!

 

236 Tutti coloro che accettano la propria guarigione, alzatevi ora in piedi e dite: “Io credo! Non importa ciò che accade, quanto tempo ci vuole; ciononostante io so che starò bene! Io Lo accetto con tutto il mio cuore!”.

 

237 Alzate ora le vostre mani! Grazie, Signore! Lode al Signore! Così va bene, date lode a Lui! Alzate ora semplicemente le vostre mani e date lode a Lui per la vostra guarigione, nel modo in cui fate nelle vostre chiese! [La congregazione continua a lodare il Signore—n.d.t.]

 

FINE