predicatore: W.M. Branham; traduttore: Mariano GuagliardoAMNESIA SPIRITUALE

 

- Messaggio predicato dal profeta  William Marrion Branham.

- Data: 11 Aprile, 1964.

- Luogo: Birmingham, AL. U.S.A.

- Tradotto dal pastore Mariano Guagliardo.

- Tradotto nell’anno 2001.

Clicca per la versione in PDF

 

 

  Ora io credo - Ora io credo

  Tutto è possibile - Ora io credo

   Ora io credo - Ora io credo

  Tutto è possibile - Ora io credo.

 

2 Rimaniamo ora in piedi solo un momento per la Parola del Signore. Andiamo in Amos, al profeta Amos, il 3º capitolo, iniziando con il 1º verso.

 

3 Io voglio ringraziare la sorella Juanita ed Anna Jeanne e la sorella Moore, per quel bel coro che hanno cantato. Ciò mi ha riportato indietro, mentre stavo seduto su lì e l’ascoltavo. Io pensavo a quando esse erano con noi, cantando nella campagna evangelistica; il fratello Jack ed io parlavamo, e quelle ragazze erano delle piccole ragazzine, proprio delle piccole sedicenni, qualcosa del genere; ragazze. Ora invece io penso che la sorella Anna Jeanne ha cinque figli, e la sorella Juanita ha...è madre di due figli. E, donne, noi siamo realmente più vicini a quel tramonto di quanto lo eravamo allora; siamo circa sedici anni più vicini. Non ci vorrà molto che noi passeremo oltre, in quel tempo glorioso.

 

4 Ora, leggiamo in Amos, il 3º capitolo:

 Ascoltate questa parola che il Signore ha parlato contro di voi, O figli d’Israele, contro l’intera famiglia che io ho portato fuori dall’Egitto, dicendo:

 «Soltanto voi ho conosciuto fra tutte le famiglie della terra; perciò io vi punirò per le vostre iniquità.

 Possono due camminare insieme, se prima non si sono messi d’accordo?

 Rugge un leone nella foresta, quando egli non ha preso alcuna preda? Griderà un leoncello dalla sua tana, se egli non ha preso nulla?

 Può un uccello cadere in una trappola sulla terra, dove non gli è stato teso alcun inganno? Prenderà uno su una trappola da terra, senza aver preso nulla da essa?

 Suona la tromba in città, e il popolo non si spaventa? Accade del male in città, senza che il Signore l'abbia fatto?

 Certamente il Signore non fa nulla, senza rivelare i suoi segreti ai suoi servi, i profeti.

 Il leone ha ruggito, chi non avrà paura? Il Signore ha parlato, chi non profetizzerà?»

 Chiniamo i nostri capi.

 

5 Signore Gesù, fa’ che questa sera noi possiamo avere comunione attorno a questa porzione della Tua Parola, Signore. Noi preghiamo, Signore, che Tu voglia darci un contesto per il testo che noi prenderemo da qui, e possa esso portare onore a Te. Benedicici, Signore, mentre questa sera confidiamo sulla Tua Parola. Guarisci il malato e l’afflitto. Salva il perduto. Dai forza al debole, Signore, a colui che sta diventando fiacco sia fisicamente che spiritualmente. E dacci una grande effusione della Tua Presenza, poiché chiediamo questo nel Nome di Gesù. Amen.

 

6 Da questo io voglio prendere questa sera come testo: Amnesia Spirituale.

 

7 Non dimenticatevi di domani; domani c’è la preghiera per gli ammalati. Noi ci aspettiamo che il Signore faccia cose oltremodo grandi; domani pomeriggio alle due, quando inizieremo i nostri servizi. Il ragazzo sarà qui per dare i biglietti di preghiera. E si pregherà per ognuno che vuole che si preghi per lui. E domani noi ci aspettiamo un grande tempo nel Signore.

 

8 Ed ora per voi gente che ci avete fatto visita da fuori città, ricordatevi: ci sono delle ottime chiese del pieno Vangelo in ogni parte della città. Voi siete benvenuti in ognuna di esse.

 

9 Io fuori stavo semplicemente parlando con uno dei miei pastori associati il quale è appena venuto dentro, il fratello Jackson; la sua chiesa è formalmente Metodista, giù in una città o due più in giù di noi.

 

10 E, quanti qui sono associati con il nostro Tabernacolo, fateci vedere le vostre mani, ovunque siate. Oh, io sono molto felice di avervi giù qui!

 Questa è la riunione più vicina all’Indiana che ho tenuto dopo diverso tempo. Io sto pensando circa al ritornare molto presto, e mettere su una tenda ed avere quelle ultime sette Trombe, se piace al Signore.

 

11 Così ora... Ma, ricordatevi di domani. Non dimenticatevi di domani. Non dimenticatelo; domani alle due.

 Ed ora, il nostro prossimo servizio avrà inizio la prossima settimana , a Tampa, in Florida.

 

12 Ora io voglio parlare su: Amnesia Spirituale.

 

13 Ora, parliamo solo un momento di questo piccolo individuo, Amos, giusto per avere un nostro retroscena prima che andiamo al testo. Questo avvenne durante il tempo della grande prosperità in Samaria. Israele aveva prosperato. Essi proprio erano andati dietro al mondo ed avevano prosperato.

 

14 Non sempre la prosperità è un segno di benedizioni spirituali; anzi, a volte è al contrario. La gente pensa che tu forse devi possedere molte ricchezze materiali per mostrare che Dio ti sta benedicendo. Ciò non è vero. A volte ciò è l’opposto.

 

15 Ma noi troviamo che non sappiamo molto circa questo piccolo individuo. Da dove egli provenga non abbiamo alcuna storia. Di lui noi sappiamo, secondo la Scrittura qui, che egli era un mandriano; ma Dio lo aveva suscitato.

 

16 Io me lo immagino in un caldo giorno lì in Samaria, una delle grandi città turistiche del mondo in quel tempo. Essa era qualcosa diciamo come Miami, oppure Hollywood, Los Angeles; uno di quei posti come quelli. Un grande posto per i turisti. E noi possiamo immaginarci lui; egli non era mai stato in una simile città. Ma egli stava venendo con la Parola del Signore in questa grande città, dove il peccato si era accumulato in ogni parte. I ministri si erano tutti allontanati dalla Parola di Dio, ed essi non avevano avuto un profeta per lunghi anni.

 

17 E così questo piccolo individuo non appena superò la collina a nord di Samaria, io m’immagino di vederlo sotto al sole cocente, con la barba grigia sulla faccia, i suoi piccoli occhi stretti, e la sua piccola testa calva che luccica. Mentre egli guarda giù sulla città, i suoi occhi si stringono. Egli non guardava a ciò che vedono di solito i turisti, quando vanno in una città e vedono tutti i suoi intrattenimenti di bellezza. Egli guardava e vedeva la condizione in cui quella città era ridotta; una città che una volta era la città di Dio, ma che ora era finita in una simile decadenza morale come quella. Non c’è da stupirsi se...

 

18 Questo piccolo e sconosciuto individuo era Amos, il profeta. Or noi non sappiamo molto di lui. Noi non sappiamo da dove egli proveniva. Di solito i profeti vengono sulla scena in modo sconosciuto, e se ne vanno allo stesso modo. Noi non sappiamo da dove essi provengono, dove essi vanno, né sappiamo circa il loro passato; Dio semplicemente li suscita.

 Egli non era molto attrattivo, però egli aveva il COSÌ DICE IL SIGNORE. Quella è la cosa principale che io vedo.

 Certamente egli venne in Samaria per iniziare la sua campagna. Io sono sicuro che egli non ebbe alcuna cooperazione da nessuno. Egli non aveva alcuna tessera d’associazione di alcuna denominazione. Egli non aveva alcuna credenziale per dimostrare da quale gruppo proveniva. Però egli aveva una cosa: egli aveva la Parola del Signore per quella città.

 

19 Ed io mi chiedo, se noi potessimo trasportare Amos ad oggi, giù al nostro tempo; io mi chiedo se oggi egli sarebbe benvenuto nella nostra città. Io mi chiedo se noi lo riceveremmo, oppure se faremmo proprio come fecero loro.

 Noi troviamo che le nostre città sono nella stessa decadenza. E noi troviamo che il peccato è proprio altrettanto grande tra il nostro popolo quanto lo era allora. Ed io mi chiedo: “Come farà questo piccolo uomo sconosciuto ad iniziare la sua campagna? Dove inizierà egli? A quale chiesa andrà egli, o chi coopererà con lui?”.

 Egli non aveva niente per mostrare da dove proveniva. Egli non aveva niente affatto eccetto che il COSÌ DICE IL SIGNORE per la città.

 

20 Egli li trovò molto decaduti, e molto moralmente corrotti. Esso era un grande tempo. Le donne in quella città erano diventate quasi come esse sono negli Stati Uniti. Esse erano diventate corrotte. Ogni cosa che Dio si era aspettato da loro, esse l’avevano fatta proprio all’opposto. E noi troviamo che esso era un grande luogo, dove essi avevano danze per le strade; le donne  erano immorali, si toglievano i vestiti, e via dicendo, come dei strip-tease. Certo, a quei giorni quello era un divertimento pubblico; ora ciò avviene ogni giorno. Aspetta che il tempo si fa caldo, e tu non hai da andare a qualche spettacolo, poiché esse sono comunque tutte per le strade, e da ogni parte. Vergognatevi donne, nel fare una cosa come quella! Non avete vergogna di voi stesse? E poi...

 

21 Io dissi questo ad una donna non molto tempo fa, ed ella disse: “Ebbene”, disse lei, “fratello Branham”, disse, “ciò-ciò-ciò è proprio come il resto delle donne”.

 

22 Io dissi: “Ma noi non siamo tenuti ad agire come il resto della gente. Noi siamo differenti. Noi siamo di un carattere differente”.

 

23 Mi ricordo di un altra donna che disse: “Beh, fratello Branham, io-io-io non indosso quegli shorts”. Disse: “Io indosso pantaloni”.

 

24 Io dissi: “Quello è ancora peggio”. Uh! Dio disse: “È una abominazione, agli occhi Suoi, che una donna si metta addosso un indumento che appartiene ad un uomo”. Ciò è esattamente giusto.

 Una disse: “Beh, essi non fanno più altri tipi di vestiti!”.

 Però essi fanno ancora macchine da cucire per avere indumenti.

 

25 Non ci sono scuse. Dipende semplicemente da cosa c’è nel cuore; e quello che c’è viene fuori. Ella si identifica da se stessa.

 

26 Ed ora noi troviamo che questa città era divenuta moralmente decaduta. I predicatori avevano paura di dire qualcosa a riguardo. Però essi ebbero questo piccolo vecchio individuo che venne su attraverso la collina, il quale stava venendo per dir loro: “COSÌ DICE IL SIGNORE, pulite questa cosa, altrimenti voi andrete in cattività”. Ed egli visse e vide i giorni in cui si adempì la sua profezia. Egli profetizzò ai giorni di Geroboamo Secondo, il quale era comunque proprio un rinnegato; egli favorì le altre nazioni e... E questo piccolo Amos profetizzò e disse loro: “Lo stesso Dio che voi pretendete di servire, Egli vi distruggerà”. Ed Egli lo fece!

 

27 E se la sua voce fosse qui questa sera in Birmingham, essa direbbe la stessa cosa alle chiese: “Lo stesso Dio che voi pretendete di servire, un giorno vi distruggerà”. Io non sto parlando a questo uditorio qui. Questi nastri vanno per tutto il mondo.

 Ora, ricordatevi: ciò è vero.

 

28 Dunque, quando egli venne in città e trovò tutta questa roba, io mi chiedo come egli deve essersi sentito quando guardò e vide quella decadenza del popolo di Dio a cui egli era stato mandato.

 

29 Io mi chiedo: “Lo riceveremmo noi ora? Se egli venisse dentro, coopereremmo noi con lui? Gli daremmo noi il nostro meglio? Gli daremmo noi la nostra attenzione? Ci ravvederemmo noi, se egli ci dicesse che dobbiamo ritornare alla Parola del Signore ed agire nel modo in cui Egli disse di agire?”.

 

30 Io mi chiedo cosa farebbero le nostre sorelle riguardo ai loro capelli tagliati? Farebbero esse crescere di nuovo i loro capelli, se Amos si facesse avanti? Lasciatemelo dire: egli questo lo predicherebbe, poiché ciò è la Parola del Signore.

 

31 Io mi chiedo: “Cosa direbbe ai nostri responsabili, i quali stabiliscono diaconi che sono sposati tre o quattro volte, e via dicendo in questo modo, e cercano di essere diaconi?”. Io mi chiedo: “Cosa direbbe circa tutte queste cose?”. Io mi chiedo: “Cosa farebbe egli ad un uomo il quale lascia che sua moglie indossa shorts e va là fuori nella strada, e vanga l’orto, fuori nel cortile, quando un uomo sta passando?”. Io mi chiedo: “Cosa direbbe egli ad un uomo come quello?”.

 

32 Egli di certo lo rimprovererebbe con tutta la forza che c’è in lui, poiché egli avrebbe il COSÌ DICE IL SIGNORE; ed egli non potrebbe fare niente altro che quello.

 Egli in quel giorno li trovò con un brutto caso di malattia: Amnesia spirituale. E quello è proprio esattamente ciò che noi abbiamo oggi.

 

33 Ora, come faceva egli a sapere ciò che sarebbe accaduto? Come faceva Amos a saperlo? Per primo: egli era un profeta. E, la cosa seguente, in base alla malattia egli sapeva quale era la diagnosi, e perciò sapeva quali sarebbero stati i risultati.

 

34 Se un dottore guarda su un tumore e vede che quel tumore ha fatto presa, egli sa che non rimane altro che la morte, quello è tutto; ammenoché a riguardo Dio non faccia qualcosa.

 

35 Ebbene, quando tu guardi ad una città, e guardi il popolo, e guardi una chiesa, e vedi come le persone sono molto lontane da Dio, allora non puoi fare altro che diagnosticare ciò come: “Peccato!”. E il salario del peccato è “morte”. Esso sta morendo! La diagnosi prova di che si tratta.

 Vedete, quando le persone si allontanano da Dio e non vogliono dare ascolto alla Parola, non hanno più desiderio per la Parola, allora per questo c’è solo una diagnosi: “L’anima che pecca è l’anima che morrà. L’incredulità ti separerà da Dio”. Ciò è esattamente corretto.

 

36 Perciò in base alla malattia egli sapeva quali sarebbero stati i risultati; quando vide la malattia del peccato nella città.

 

37 Ora, di questa amnesia ci è detto che essa è un...essa ti porta ad un punto dove tu non puoi più identificare te stesso. Ora, essa è una cosa insolita. Ciò non accade spesso, ma la causa deriva dallo shock. Coloro che la prendono non sanno nemmeno chi essi sono. A volte la prendono i soldati durante le guerre. A volte la prendono le persone che...

 Un’altra cosa che la causa è la preoccupazione. La preoccupazione causa questo.

 

38 La preoccupazione non ha alcuna virtù in sé, affatto. Sì, sfuggi alla preoccupazione, e accetta la Fede!

 

39 Qualcuno disse: “Beh, ora, cosa se entro domattina ti fucileranno, non ti preoccuperesti?”.

 Io dissi: “No, non penso”.

 “Perché?”.

 Io dissi: “La preoccupazione non mi farebbe niente eccetto che rendermi peggiore”.

 “Beh, che beneficio ne trarrai dalla fede?”.

 Io dissi: “Essa potrebbe liberarmi”. Ciò è esatto, vedete.

 

40 Per cui la preoccupazione in sé non ha alcuna virtù, affatto. Però la fede ha tutta la virtù. Sii credente!

 Ora, a volte a causare ciò è la preoccupazione.

 

41 Ed un’altra cosa che causa ciò tra la gente, è il mettersi tra due opinioni. Quello causerà amnesia. Ed essa ti porta ad un punto dove tu, in pratica, non ti ricordi più di quello che hai fatto; tu perdi la tua ragione! Tu perdi la tua mente! Tu non riesci più... Tu non sai più chi sei; non riesci più ad identificare te stesso. Tu puoi andare attorno, mangiare, ed ogni altra cosa, però tu non puoi identificare te stesso. Tu hai la tua istruzione scolastica, hai la stessa istruzione che avevi, però tu non sai più da dove l’hai appresa, tu non sai chi sei, e a chi appartieni. Quella è amnesia, così ci viene detto.

 

42 In questa vita umana noi siamo identificati con le nostre famiglie tramite il matrimonio. Noi ci sposiamo con le nostre mogli, e la nostra famiglia è identificata tramite l’unione del nostro matrimonio.

 E, dunque, pensa un po’: cosa se questa cosa orribile capitasse a te e tu non fossi più capace di ricordare chi hai sposato, chi è tua moglie, chi sono i tuoi figli, chi è tuo padre e tua madre, e chi è il tuo vicino? Quella sarebbe una cosa orribile!

 

43 Inoltre noi siamo identificati, o identifichiamo noi stessi, nella razza umana, tramite l’avere l’intelligenza e l’essere differenti dalla vita animale. L’animale non può pensare, egli va semplicemente avanti tramite i suoni. Egli non ha anima. Ed anche noi siamo vita animale, ma ciò che ci rende differenti è... Noi siamo mammiferi, ma ciò che... Il mammifero è un animale con sangue caldo, e noi siamo con le caratteristiche di un animale. Ma ciò che ci rende differenti è che noi siamo identificati tramite l’avere una “anima”, una “coscienza”, la quale ci dice ciò che è giusto e ciò che è sbagliato.

 

44 Ora, quando tu prendi questa amnesia tu potresti arrivare ad un punto come fu Nebukadnetsar, il quale una volta esaltò se stesso e Dio gli fece pensare che lui era un animale. Ed egli andò a vivere fuori nel deserto e si mise a mangiare erba come un bue. E giù sul suo corpo gli crebbero i peli  lunghi come le penne di un’aquila, e il suo cuore divenne come quello di una bestia. Vedete, quella fu amnesia, poiché egli aveva dimenticato di essere un re. Egli aveva dimenticato di essere un essere umano. Ed egli pensò di essere un animale, così egli agì come un animale, questo perché egli aveva dimenticato di essere un essere umano.

 

45 Ciò è così facile oggi! A volte noi dimentichiamo ciò che la Chiesa Cristiana è. Noi agiamo come il mondo! Questo dimostra che noi abbiamo preso l’amnesia spirituale, poiché tu non agisci più come il Cristiano; tu agisci come il mondo. Tu ricevi il cuore del mondo, ed esso causa questo.

 

46 Noi troviamo che Israele si espose, si espose al mondo, e cadde in questo canale. E questo profeta venne mandato per tirarli fuori da esso, se ci fosse riuscito, tramite il dirglielo.

 Dio, tramite la Sua grazia, scelse Israele d’infra tutto il resto delle famiglie della terra. Fu la grazia a fare questo. Egli dette loro dei terreni  scelti. Egli dette loro case che essi non avevano mai costruito. Dio fece questo, a quelli che scelse.

 Egli dette loro fattorie che essi non avevano mai comprato. Egli dette loro... Egli dette loro cibo che essi non avevano mai piantato. Egli dette loro pozzi che essi non avevano mai scavato. Egli dette loro vittorie che essi non avevano mai vinto. Egli dette loro grazia che essi non avevano mai meritato. dio fece quello tramite la sua grazia per questo popolo: Israele, la Sua prescelta, la Sua amata.

 

47 Ed Egli dice nella Bibbia che: “Egli trovò lei per i campi, come una piccola ragazza seduta sul suo proprio sangue, ed Egli la lavò e la pulì, ed altro ancora. Ma dopo che Dio mostrò a lei tutte queste misericordie, e lei divenne ricca, lei prese l’amnesia e si dimenticò completamente da dove provenivano tutte queste cose”.

 

48 Io penso che questo è un quadro degli U.S.A. in questo 1964. Essi stanno soffrendo con la stessa malattia! Noi siamo delle chiese grandi e potenti. Noi siamo un popolo grande e potente. Noi siamo milioni di numero. Però abbiamo dimenticato da dove provengono queste cose!

 

49 Essi avevano un brutto caso di questa malattia. Questo dopo che Dio era stato così buono con loro, e li aveva portati fuori da tutte le nazioni pagane, e li aveva fatti essere “un popolo separato”, separati per Lui. Egli disse che: “Prese una vite fuori da una nazione e la piantò su in un’altra nazione, ed Egli la sistemò tutt’attorno in modo che essa facesse frutto, e fosse fruttuosa. Ma la vite dimenticò da dove provenivano le sue benedizioni”.

 

50 Così ha fatto pure il popolo di Dio in questi ultimi giorni: ha dimenticato cosa significa la testimonianza dell’essere un Cristiano. Si tratta di nuovo di questa amnesia, la quale è venuta sopra il popolo! Essi non riescono più a identificare se stessi.

 

51 Essi a riguardo avevano dimenticato tutto. Essi avevano dimenticato la Sua santità. Essi avevano dimenticato la Sua Legge. Le donne vivevano come il resto delle donne.

 

52 La Chiesa di Dio e il Suo popolo sono stati sempre un “popolo separato”, un popolo “chiamato fuori”, un popolo “peculiare”, una “nazione santa”, un “sacerdozio regale”; offrendo a Dio sacrifici spirituali, il frutto delle loro labbra, dando lode al Suo Nome. Dio ha chiamato la Sua Chiesa e l’ha separata dal mondo esattamente per questo scopo. Ed Egli ha dato ad Essa una legge; ed Essa deve essere “santa”. Egli disse:

 Io sono santo, e voi dovete essere santi. E senza santificazione nessun uomo vedrà il Signore.

 Questo lo disse Dio Stesso.

 

53 Ed Egli ha chiamato questo popolo affinché fosse quel tipo di popolo, ma essi si erano dimenticati di questo. Essi si erano dimenticati le Sue leggi, essi si erano dimenticati la loro moralità. Le donne stavano fuori per le strade, donne israelite, e ciascuna di esse aspettava di concepire tramite lo Spirito Santo, per partorire il Messia; e poi agivano in quel modo. Il loro carattere era terribile!

 

54 Io voglio fermarmi qui un momento per dire che oggi avviene la stessa cosa tra la nostra gente, i quali chiamano se stessi Cristiani. Il loro carattere, se voi riusciste soltanto e rendervene conto,...

 

55 Una volta io lessi una storia giù qui del Sud, quando essi solevano avere lì degli schiavi. Essi prendevano quelle persone e le vendevano al mercato, proprio come tu venderesti una macchina usata. E poi c’era un compratore il quale si faceva avanti e prendeva questi schiavi e li provava, proprio come tu faresti con una macchina o con altro.

 

56 E quegli schiavi si trovavano lontani dalla loro propria nazione. Essi provenivano dall’Africa. I Boeri li rapirono, li portarono su di qua nelle isole, su in Giamaica e dintorni, e poi da lì li introdussero di contrabbando negli Stati Uniti vendendoli come schiavi.

 

57 Or noi troviamo che quella gente era triste. Essi erano stati rapiti dalla loro casa. Essi erano stati presi e portati fuori da un nemico, e perciò essi erano tristi. Loro non avrebbero mai più visto il loro proprio marito, né la loro propria moglie, il loro padre, la loro madre, i propri figli. Essi erano assolutamente... Per farli lavorare essi dovevano picchiarli con le fruste, poiché essi erano un popolo triste.

 

58 Or un giorno un compratore venne in una certa piantagione. Egli vide un mucchio di schiavi là fuori che lavorava. Ed egli andò dentro e chiese al padrone: “Quanti schiavi hai?”.

 Quello disse: “Circa un centinaio”.

 Gli disse: “Ne hai qualcuno che vorresti barattare o vendere?”.

 Egli disse: “Sì”.

 Gli disse: “Lasciami dare un’occhiata”.

 

59 Ed egli andò fuori nel campo e si mise ad osservarli. Egli vide come quelli dovevano picchiarli e... Dopo un po’ egli vide un giovane uomo il quale essi non avevano bisogno di picchiare. Egli teneva il suo petto all’infuori, il mento all’insù; a lui non avevano bisogno di picchiarlo. Così il compratore disse: “Mi piacerebbe comprare quello schiavo”.

 Quello disse: “Ma egli non è in vendita”.

 

60 Egli disse: “Beh, qual’è la differenza con quello schiavo?”. Disse: “È quello schiavo il capo di tutti loro?”.

 Quello disse: “No, egli è un semplice schiavo”.

 Egli disse: “Beh, forse tu lo nutri in modo diverso”.

 Quello disse: “No, egli mangia ciò che mangia il resto degli schiavi”.

 

61 Egli disse: “Beh, che cos’è allora che lo fa essere così diverso dal resto degli schiavi?”.

 

62 Quello disse: “Beh, anche io me lo sono chiesto per molto tempo. Ma un giorno io venni a sapere che, nella nazione dalla quale egli proviene, suo padre è il re dell’intera tribù. E benché egli sia un alieno, e lontano da casa, ciononostante egli sa di essere il figlio di un re, e perciò egli si comporta come il figlio di un re”.

 

63 Io pensai: “Ehi, se quel Negro che viene dall’Africa si comporta così solo per il fatto che sa che suo padre è il capo-tribù e un re sopra una tribù, cosa dovrebbe fare ciò ad un Cristiano che è nato di nuovo, uomo o donna che sia, sapendo che il nostro Padre è il Re del Cielo in Gloria?”. Noi dovremmo condurre noi stessi come Cristiani!

 Uomini e donne: noi dovremmo “agire” come tali, “vestire” come tali, “parlare” come tali, “vivere” come tali. benché noi siamo alieni, ciononostante noi siamo i figli del re!

 

64 Il nostro carattere, la nostra depravazione, nei giorni in cui noi stiamo vivendo ora, è la stessa in cui era caduto Israele; anche loro erano caduti in quello stesso canale ed erano immorali. Essi avevano dimenticato le leggi di Dio: “Tu non commetterai adulterio. Tu non concupirai la moglie del tuo prossimo”, e via dicendo. Essi avevano dimenticato quelle leggi. Essi non le volevano più. Ed essi volevano essere come il resto del mondo; proprio come è ridotta oggi la chiesa.

 

65 Una volta, all’inizio, Israele volle un re su di sé. Samuele, il profeta che era stato mandato a loro, gli disse: “Ora, vi ho io mai detto qualche cosa nel Nome del Signore che non si sia adempiuta?”.

 Essi dissero: “No, non l’hai mai detta”.

 

66 “Vi ho io mai chiesto cibo e soldi , i vostri soldi, per il mio sostentamento?”.

 

67 “No, tu quello non l’hai mai fatto. Tu non ci hai mai detto niente, Samuele, eccetto ciò che si è avverato. E tu non hai mai chiesto a noi i nostri soldi per il tuo sostentamento. Ma, ciononostante noi vogliamo comunque il re.

 

68 Dio disse a Samuele: “Lascia che ce l’abbiano. Essi non hanno rigettato te; essi hanno rigettato ME”.

 

69 Israele ora era in quella stessa situazione. Essi non volevano più i profeti di Dio. Essi non avevano più bisogno di loro! E se ne fosse venuto uno, e li avesse portati indietro alla Parola, o avesse cercato di riportarli alla Parola, essi lo avrebbero rigettato. Questo essi lo fanno sempre, quando si trovano in quel tipo di corruzione.

 

70 Quando il mondo e la Chiesa si uniscono assieme, allora essi non vogliono niente di ciò che è spirituale. essi non vogliono il COSÌ DICE IL SIGNORE. Essi vogliono ciò che vogliono! Essi vogliono il mondo e allo stesso tempo dire che sono Cristiani; vivere nel mondo, vivere con il mondo, vivere come il mondo, e allo stesso tempo mantenere la loro confessione di essere un Cristiano. Sapete di che si tratta? Essa è: amnesia spirituale. Quello è esattamente ciò che essa è. Essi non sanno più chi sono! Essi si sono dimenticati di ciò che sono tenuti a fare.

 Se oggi venisse uno come quello, egli verrebbe rigettato proprio allo stesso modo.

 

71 Essi di questo male avevano un brutto caso. E così essi ce l’hanno pure oggi!

 Essi non riuscivano più ad identificare se stessi con le cose sovrannaturali, poiché essi non le volevano. La Parola, il Vangelo, essi non La volevano. La malattia del peccato li affliggeva, ed essi questo lo amavano.

 

72 Il peccato è piacevole per il cuore inconvertito. Esso sembra buono per la mente inconvertita. Però esso è la via della morte!

 Non rimane altro che la morte. “Il salario del peccato è la morte”, e tu devi raccogliere quel salario. Tu hai seminato il vento, ed ora raccogli il turbine.

 

73 I segni spirituali e la predicazione di un confermato messaggero mandato da Dio non poteva più smuoverli. Le donne gli ridevano in faccia dicendo: “Io non ho da andare ad ascoltare una simile roba”. non si è ciò ripetuto di nuovo? Di che si tratta? Di amnesia spirituale. quello è esattamente ciò che è!

 essi si sono dimenticati che Dio e la Sua Parola è la stessa cosa, ed Egli non può cambiarLa!

 

74 Se in quei giorni un profeta di Dio fosse sorto sulla scena e avesse dato un segno spirituale, una voce spirituale, e dietro a ciò avesse dato la voce di Dio, essi avrebbero riso e se ne sarebbero fatti beffa.

 

75 Voi conoscete il vecchio detto: “Gli sciocchi camminano con scarpe chiodate là dove gli Angeli temono perfino di metterci i piedi”. Quello è ciò che fa questa amnesia spirituale. Essa porta le persone ad un tal punto dove essi non hanno più sentimenti dentro di loro. essi non vogliono più niente di ciò che è spirituale.

 

76 Prendiamo una vera riunione spirituale, dove lo Spirito Santo guarisce il malato e discerne i pensieri che sono nel cuore, e mettiamola in mezzo a tutte le chiese, facendo semplicemente una grande riunione fuori qui in questo stadio, e guardate cosa accadrebbe. In pochi minuti ognuno comincerebbe ad alzarsi e se ne andrebbe fuori. Essi non hanno niente a che fare con questo. essi con questo non vogliono avere niente a che fare!

 

77 Essi resterebbero ad ascoltare se fosse qualche discorso intellettuale. ma quando si viene al trattare della potenza di Gesù Cristo, e della Sua risurrezione, e dello Spirito Santo, essi con ciò non vogliono avere nulla a che fare. questo perché ciò li CONDANNA. Ciò li fa “infuocare”, quando sentono le cose che dovrebbero sapere. Certamente, stare senza correzione è piacevole per il momento. Però se tu ti arrendi ad essa, ciò porterà i frutti del pentimento.

 Così noi troviamo che quando questa amnesia spirituale fa presa sulle persone, allora esse sono in una pessima condizione.

 Ora; noi troviamo la stessa cosa ora.

 

78 Ora, io voglio che tu devi essere identificato. Da qualche parte tu devi mostrare te stesso. Questa sera la tua vita mostra dove tu sei identificato. Tu sei identificato o “in” Cristo o “fuori” di Cristo. Tu non puoi essere “metà e metà”. Non esiste una simile cosa come un uomo “ubriaco-sobrio”. Non c’è un uccello “nero-bianco ”. Tu sei o salvato o non sei salvato. Tu sei o un santo o sei un peccatore; l’uno o l’altro.

 E la tua attitudine spirituale verso la Parola di Dio identifica esattamente dove tu ti trovi.

 

79 La Parola di Dio ha confermato, ha provato, che il battesimo dello Spirito Santo è proprio lo stesso come ciò fu al Giorno di Pentecoste e in ogni altro tempo. E che Gesù Cristo è lo stesso ieri, oggi, e per sempre. E la tua attitudine verso Quello identifica se tu hai o non hai l’amnesia spirituale. Proprio così.

 Non importa se tu sei un diacono, o se sei perfino un predicatore, non ha alcuna importanza. Anche loro la prendono!

 Così noi troviamo che essa è contagiosa, e colpisce l’intera cosa.

 

80 Ora, notate. Ora, per essere un Americano. Per essere un Americano io devo essere identificato con la mia nazione. Ora, ascoltate attentamente. Per essere un Americano, io devo essere nato qui in questa nazione, ed io ne  divengo un cittadino, e vengo identificato con questa nazione. Tutto ciò che essa è, io lo sono. Tutto ciò che essa è stata, io lo sono. Perché io sia identificato come un Americano, allora io devo prendere tutta la sua vergogna, tutta la sua gloria; qualsiasi cosa essa sia, io lo sono; questo perché io sono identificato con essa. Amen. io voglio che voi afferriate questo!

 Se io sono identificato quale un cittadino Americano, allora tutto ciò che essa è stata, io sono. Tutto ciò che essa è, io sono. io devo essere parte di essa. Se io sono un cittadino Americano, io sono parte dell’America. E tutto ciò che essa è, io sono. io non devo mai dimenticare questo.

 

81 Se io voglio rimanere un vero cittadino Americano, allora devo ricordare che io sono ciò che è la mia nazione, poiché io sono identificato con la mia nazione. Il dimenticare lei significa... Se si tratta di combattere per lei, o di morire per lei, o di prendere posizione per tutto ciò che essa prende posizione; in tutto io devo rimanere con essa. Ciò che la mia nazione è, io sono. Ciò per cui essa si batte, io devo battermi. Per essere un leale Americano, io devo essere pronto a morire per essa, combattere per essa, prendere posizione per essa, e fare ogni altra cosa. io sono parte di essa. Tu non puoi fare del male ad essa senza fare del male a me. Quando tu dici qualcosa contro ad essa, tu la dici contro a me, poiché io sono un Americano. Il dire qualcosa contro di te, come Americano, è come dirlo contro a questa nazione; ciò che essi dicono contro di te è contro di essa, poiché tu sei una parte di essa. non dimenticarti mai di questo! Se te lo dimentichi, allora tu di certo hai preso l’amnesia.

 

82 E, ricordati: tu non sei più un cittadino Americano quando non puoi più divenire una parte di essa. Tu devi esserlo. Ciò che l’America è, anche tu devi esserlo. Io devo essere partecipe di essa. Questa è la mia nazione, ed io devo essere partecipe di essa. Ciò che essa è, io sono.

 Vedete, pure ciò che essa “fu”, io sono. Non importa ciò che essa fu, io sono anche ciò che essa fu.

 

83 Essendo un Americano, allora arrivai a Plymouth Rock assieme a loro, assieme agli antenati. Io devo esserlo stato, poiché sono una parte di essa. Io cavalcai assieme a Paul Revere, per avvertirla dei pericoli che incorreva.

 Se io sono un vero cittadino Americano, allora io arrivai a Plymouth Rock; io cavalcai assieme a Paul Revere per avvertirla dei pericoli che incorreva. State afferrando cosa io intendo dire ora?

 

84 Io attraversai il Delaware ghiacciato assieme a George Washington, assieme ai suoi soldati scalzi. io ero là, poiché io sono identificato con questa nazione!

 Ciò che egli fece là era una parte di me; ciò che io faccio ora è una parte di lui. Io ero identificato con Washington, al Delaware.

 

85 Io stavo con Stonewall Jackson, quando le avversità erano molto grandi contro di lui, ed essi gli chiesero: “Come fai a rimanere fermo come un muro di pietra, quando tutto è contro di te?”. Quel piccolo imperterrito individuo con gli occhi blu diede col suo stivale un calcio alla polvere, e disse: “Io non bevo mai un sorso d’acqua senza aver ringraziato l’Onnipotente Iddio per essa”. io devo stare come un muro di pietra assieme a lui!

 Io stavo là assieme a Stonewall Jackson. Per essere un Americano io devo identificarmi con lui nella sua presa di posizione. Nell’attraversare il Delaware; nel combattere le battaglie!

 

86 Io sventolai la bandiera. Io ero con loro quando essi issarono la bandiera su Guam. Dopo che migliaia di soldati Americani avevano dato la loro vita e quel piccolo gruppo corse su lì e issò la bandiera, io ero identificato nell’issare quella bandiera; ognuno di noi lo era! tutti i cittadini Americani erano identificati con quella bandiera issata sopra Guam! Quando io sentii che essi avevano issato quella bandiera là sopra, delle lacrime scorrevano giù sulle mie guance. quello ero io! quello eri tu! Quello includeva tutti noi, quando noi fummo identificati là con quella bandiera.

 

87 Tutto ciò che essa è, io sono. Tutta la sua gloria è la mia gloria. Tutta la sua vergogna è la mia vergogna. Se essa ha fatto cose vergognose, allora io devo portare il suo vituperio. Se lei riceve gloria, io ricevo gloria assieme a lei, questo perché io sono identificato con lei.

 Ora, per essere identificato quale Americano, tu devi portare tutta la vergogna dell’America, tutta la gloria dell’America; tutto ciò che essa è stata, tutto ciò che essa è, o tutto ciò che essa sarà, tu sei identificato con essa!

 

88 Ora, per essere un “vero” cristiano, tu devi essere allo stesso modo. Noi non vogliamo dimenticare quello! Tutto ciò che Egli fu, io sono identificato con Lui. Io sono identificato con Lui!

 

89 Notate: ed Egli è in me, ed io sono in Lui! Notate, dunque ogni Cristiano che è un vero e genuino Cristiano fu con Lui “quando le stelle del mattino cantavano assieme e i figli di Dio gridavano di gioia, ancora prima della fondazione del mondo”. Noi eravamo identificati negli immortali reami di Dio, dieci milioni di anni prima che il mondo fosse stato formato!

 Io fui là dietro con Lui. Se io ho Vita Eterna, allora io fui là con Lui. Io fui identificato con Lui, quando “le stelle del mattino cantavano assieme e i figli di Dio gridavano di gioia”.

 

90 Io fui con Lui quando Egli chiamò Abrahamo all’età di settantacinque anni, e sua moglie che ne aveva sessantacinque, e gli disse che essi avrebbero avuto un bambino. Io fui con lui quando egli prese la sua posizione sul: “COSÌ DICE IL SIGNORE, io avrò il bambino”. io fui con lui! ed ogni altro cristiano era con lui!

 Io fui con lui quando gli vennero le tentazioni. Io fui con lui quando egli andò sul monte, per offrire Isacco. Io fui con lui quando apparve il montone.

 

91 Io fui con Giuseppe quando egli venne rigettato dai suoi fratelli, questo perché egli era “spirituale” e il resto di loro era “carnale”. Io fui con lui quando egli conobbe il vituperio che dovette subire tramite i suoi stessi fratelli. Ciò che egli fu, io sono. Ciò che io sono, egli fu. “Poiché noi siamo tutti uno in Cristo Gesù”.

 Io fui con Giuseppe nella sua prigione-tomba. Io fui con lui quando egli andò alla destra di Faraone. Tu hai da essere identificato con lui!

 

92 Io fui con Giacobbe quella notte quando egli lottò tutta la notte con l’Angelo. Io stesso ho lottato! Io so cosa egli attraversò. Così io lottai con Giacobbe allo stesso tempo in cui lottò lui, poiché io sono suo fratello.

 

93 Io fui con Mosè, quando egli andò giù in Egitto. Io fui con Mosè al cespuglio ardente. Se tu sei un Cristiano, allora tu sei identificato con quei personaggi Biblici. non dimenticarti di questo!

 Io fui con Mosè quando tutto il popolo si rivoltò contro di lui. Io fui con Mosè quando egli attraversò il Mar Rosso. Quando egli alzò le sue mani e andò avanti, e il Mar Rosso si aprì, io fui identificato in Cristo proprio lì, e in quell’ora io fui con Mosè!

 

94 Ciò che ogni Cristiano è stato, ciò che ogni credente è stato, ogni credente di ora è identificato con quella stessa persona. Qualsiasi cosa sia, tu devi essere identificato. Non dimenticarti di questo! Se ti dimentichi, allora tu hai preso l’amnesia spirituale; tu hai dimenticato chi sei!

 

95 Ora, identificato con lui, con Mosè, quando egli attraversò il mare.

 

96 Io fui con Elia ai giorni di Achab, quando essi dovettero fare una scelta a chi avrebbero servito, a Dio o a Balaam. Noi fummo con lui sul Monte Carmelo, quando egli dovette presentare questa scelta, poiché noi siamo identificati nello stesso Corpo dello stesso Dio in cui egli fu identificato. Per cui, se noi siamo identificati in quel Corpo, allora dobbiamo ricordare che noi eravamo là con lui! Ciò è esatto.

 

97 Ora, io fui con Davide quando egli venne rigettato dai suoi stessi fratelli. Io fui con Davide; ed anche tu lo fosti, se sei un Cristiano. Tu devi essere identificato nel suo rigetto.

 

98 Io fui con i giovani Ebrei nella fornace ardente, quando il fuoco non poté bruciarli a motivo della Presenza del quarto Uomo.

 

99 Io fui con Daniele nella fossa dei leoni. Io fui identificato là dentro, quando l’Angelo del Signore identificò lui lì dentro.

 

100 Di certo io fui con Lui al Calvario. Io devo essere identificato con Lui al Calvario. Io devo essere lì in un posto dove non solo io fui identificato con Lui al Calvario, ma dove anche morii con Lui al Calvario.

 Ogni Cristiano deve morire con Lui al Calvario. Se tu non muori con Lui al Calvario, tu non puoi essere uno dei Suoi.

 Io fui lì quando Egli moriva. Io morii con Lui. e poi io fui con Lui quando Egli risuscitò d’infra i morti! quel mattino di Pasqua io venni su con Lui nella risurrezione! Qualsiasi cosa Egli fece, io fui proprio con Lui; e lo stesso fu per ogni credente.

 

101 ed ora io sono seduto con Lui nei Luoghi Celesti, in Cristo Gesù, con tutte le potenze dell’inferno conquistate attraverso di Lui! Ogni credente Cristiano fu seduto allo stesso modo, poiché tu hai da essere identificato.

 

102 Ora, in questi ultimi giorni io trovo me stesso, assieme a molti credenti Cristiani, che sono identificato nel Suo ministero. “Egli è lo stesso, ieri, oggi, e per sempre”. In questo giorno io trovo me stesso che sono identificato nel Suo ministero. Trovi tu te stesso in quel modo, credendoLo, e camminando con Esso?

 Notate: le opere che fece Lui, Egli disse che le avrebbe fatte pure il  credente. “Le opere che faccio Io le farete anche voi”. Dunque, puoi tu essere identificato con Lui? E quando poi il vituperio viene sulla Parola, riesci  tu a sopportare il vituperio come fece Lui, vedi, identificandoti con Lui?

 

103 Io fui identificato con Lui. Io fui con Lui nel Giorno di Pentecoste. Io fui con i discepoli là sopra, identificato con loro, nel battesimo dello Spirito Santo.

 

104 Io mi chiedo se la Chiesa non abbia preso ora tanta amnesia tanto che, alcuni di loro, non credono nemmeno che ci sia una simile cosa quale lo Spirito Santo! Vedete dov’è finita la Chiesa? In un vero brutto caso di amnesia! Vedete, essi si sono dimenticati che per l’addietro Quello era Gesù Cristo. Essi si sono dimenticati di ciò che era Gesù Cristo. Essi si sono dimenticati! Essi pensano che Egli fu semplicemente un legislatore, o un profeta, o un brav’uomo. Essi si sono dimenticati che Egli era “Dio”. Essi si sono dimenticati che: “Egli è lo stesso, ieri, oggi, e per sempre”.

 E la Chiesa ha preso un brutto caso di amnesia spirituale. Essi hanno dimenticato tutte queste cose. Essi non le comprendono più!

 

105 Noi dobbiamo essere con i discepoli a Pentecoste, identificarci con loro.

 Io fui identificato col sermone di Pietro nel Giorno di Pentecoste, nel 2º capitolo degli Atti. Io sentii ciò che egli disse. Io credo ciò che egli disse. Io obbedisco ciò che egli disse. e sono ora identificato nella stessa cosa!

 

106 Non prendere l’amnesia spirituale, altrimenti tu identificherai te stesso con qualcos’altro. Stai dritto con quella Parola!

 

107 Noi eravamo con la Chiesa, quando essa venne commissionata da Gesù Cristo, nel 16º capitolo di Marco:

 Andate in tutto il mondo, e predicate il Vangelo ad ogni creatura.

Io voglio essere identificato lì.

 “In tutto il mondo, ad ogni creatura”. “Questi segni accompagneranno quelli che hanno creduto”. Voglio essere identificato in quello.

 

108 Ebbene, ora, sei tu identificato con quello, oppure hai tu preso qualche amnesia spirituale e ti ritrovi che non credi che quei segni accompagnano i credenti? Vedi, se tu non credi a quello, allora tu hai preso l’amnesia spirituale; vedi, tu hai dimenticato che Dio quello lo ha promesso. Egli disse: “Questi segni accompagneranno quelli che hanno creduto”. Non dimenticarti di questo! Tu non puoi dimenticarti di questo ed essere un Cristiano! Tu devi essere identificato con questo.

 

109 Tu devi essere identificato con San Giovanni, il 14º capitolo e il 12º verso: “Colui che crede in Me, le opere che faccio Io le farà pure lui”. Non dimenticarti di questo! Se lo fai, allora tu hai preso l’amnesia spirituale. Tu hai dimenticato chi sei! Tu hai dimenticato cosa significa la tua testimonianza!

 

110 Cosa riguardo a: “Se voi dimorate in Me, e le Mie Parole dimorano in voi, voi potete chiedere quello che volete e ciò vi sarà fatto”? Sei tu identificato lì, per credere che quella è la Verità? Marco 11, quando Egli disse: “Se tu dici a questo monte, ‘spostati’, e non dubiti nel tuo cuore, ma credi che ciò che tu hai detto si adempirà, tu puoi avere ciò che hai detto”. Puoi tu essere identificato lì, e credere che quella è la Verità? Se non lo puoi, allora tu hai preso l’amnesia spirituale.

 

111 E se ti sei dimenticato, allora tu hai perso il tuo equilibrio Cristiano. Tu non sai dire a chi appartieni! Tu puoi dire: “Io sono Metodista. Io sono Battista. Quello è tutto ciò che io so. Io sono Pentecostale. Io sono questo, quello, o quell’altro”. Stai attento! Quello potrebbe significare che su di te si sta vedendo il segno della malattia, che tu hai preso qualche amnesia spirituale.

 

112 Tu dirai: “Beh, fratello Branham, io-io credo questo, ed io-io non credo...”. Ora, aspetta un momento. Se Dio ha promesso di fare queste cose, e disse che esse sarebbero state qui negli ultimi giorni, e il tuo credo ti tiene lontano da esse, allora quello è un buon segno tramite il quale io posso vedere che il segno della malattia è su di te! [Il fratello Branham batte tre volte il suo pugno sul pulpito—n.d.t.] essa è amnesia spirituale! tu hai dimenticato di identificare te stesso con la Parola!

 

113 Tu dirai: “Io non credo che i malati vengono guariti”. Tu hai preso l’amnesia spirituale!

 

114 Tu dirai: “Io non credo nel battesimo dello Spirito Santo”. Amnesia spirituale!

 

115 Tu dirai: “Io-io non credo che Dio ha promesso di fare queste cose negli ultimi giorni”. Allora tu hai dato ascolto ad un credo, o a qualche dottrina, anziché dare ascolto alla Bibbia. Tu hai l’amnesia spirituale! tu non sai a chi appartieni! tu stai confessando di essere “un Cristiano”, e neghi la Parola! Questo ti riporta di nuovo alla amnesia spirituale; vedi, tu non sai dove stai. Tu hai preso l’amnesia spirituale. Tu non puoi identificare te stesso con le Scritture.

 

116 Tu devi essere con i discepoli. Tu devi essere con tutte le Scritture, con la Chiesa e col suo mandato.

 Ora, dunque, quando la Chiesa ricevette il suo mandato: “Andate in tutto il mondo e predicate il Vangelo; questi segni accompagneranno quelli che hanno creduto”. Quello fu il suo mandato! Ora essi hanno... Quello fu il suo mandato.

 

117 Però essi hanno preso un brutto caso di questa amnesia spirituale, proprio come lo ebbe su di sé Eva, lì un giorno attorno al giardino. Ora ella è come Israele, soffrendo con questa stessa malattia: un’allergia presa dalla dieta di seminario. Quello è ciò che ti dà l’amnesia spirituale. Prendi qualche dieta di seminario, e tu prenderai un’allergia. E poi, la prima cosa che saprai, è che tu avrai una brutta amnesia: tu non credi più ciò che dice la Bibbia.

 

118 Quello è ciò che non va con la Chiesa di oggi. Quella è la ragione per la quale noi oggi non possiamo avere un risveglio. Quello è il problema con la gente di oggi. Essi sono stati così drogati e lavati nel cervello, e covati in ogni  ismo che possa scovare, a tal punto che essi non sanno più distinguere ciò che è giusto e ciò che è sbagliato. Esatto.

 Ella non ricorda più il suo Signore. Ella non ricorda più la Sua Parola. Ella non ricorda più la promessa!

 

119 Quello era ciò che non andava con Israele, quando Gesù venne sulla scena. Essi non potevano ricordare che: “Una vergine concepirà”. Essi non potevano ricordare che Mosè disse: “Il Signore Iddio vostro susciterà un Profeta come me”. Essi avevano l’amnesia spirituale!

 

120 Quella è esattamente la cosa che ha oggi la Chiesa. Egli disse: “Ed avverrà che negli ultimi giorni queste cose avranno luogo”, (ciò che noi vediamo che ha luogo), e la Chiesa sta seduta là morta come a mezzanotte. Di che si tratta? Di amnesia spirituale!

 Noi chiamiamo noi stessi “Pentecostali”, però non riusciamo ad identificare noi stessi nella Parola quando Essa venne predicata nella potenza della risurrezione di Cristo; mentre Egli è qui tra di noi, adempiendo questo, e facendo esattamente ciò che Egli disse che avrebbe fatto!

 Dunque, osservate: il nostro sistema denominazionale ci ha portati in questa amnesia spirituale. Noi stiamo soffrendo! Noi non sappiamo a chi apparteniamo. Uno porta le sue carte da questa chiesa all’altra chiesa, e all’altra chiesa, da questo ismo a quell’altro ismo.

 

121 Vedete, ciò di cui noi abbiamo di nuovo bisogno è di un altro Amos che venga sulla scena, con il COSÌ DICE IL SIGNORE. Lo riceveremmo noi? O faremmo proprio come fecero loro? Essi non lo ricevettero mai. Ed essi non lo riceverebbero nemmeno oggi! Egli a stento riuscirebbe a mettere la sua testa in un posto per predicare.

 Ora, ciò è esattamente vero, poiché la Chiesa sta soffrendo con questa amnesia spirituale.

 

122 Ora, perché? Dio ci ha promesso che in questi ultimi giorni, quando il Figlio dell’uomo si sarebbe rivelato, secondo Luca, il 17º capitolo, che il segno che ebbe luogo a Sodoma si sarebbe ripetuto di nuovo. E la gente vede che esso viene fatto, ed alcuni di essi non ci credono nemmeno! Essi pensano che esso è telepatia. Essi pensano che esso è uno spirito del diavolo! Di che si tratta? essi stanno soffrendo di amnesia spirituale. Ciò è esatto! Essi non riescono a comprendere il Signore: “Gesù Cristo è lo stesso, ieri, oggi, e per sempre”. Ciò che Egli fu allora, Egli lo è ora.

 

123 Ebbene, cos’è accaduto? Noi proprio non riusciamo ad identificare noi stessi con la Parola. Ebbene, lei non sa se ella è una loggia o se è una chiesa. Ella non vuole essere chiamata una loggia, però non può essere chiamata una chiesa; poiché, per essere chiamata una chiesa, dovrebbe identificare se stessa con Cristo. Questo dimostra che ha l’amnesia spirituale.

 Lei non vuole essere chiamata una loggia. Così ella non è la Chiesa Pentecostale, la Chiesa Metodista, la Chiesa Battista. Ella è: la loggia Pentecostale, la loggia Metodista, la loggia Battista, questo perché lei non può identificarsi con la Parola. E anche quando la Parola viene resa manifesta, essi non La credono ancora! essa è una malattia: amnesia spirituale! non riescono ad identificare se stessi. essi non sanno a chi appartengono! Proprio così.

 

124 Ciò è proprio come “l’ibridizzare” qualcosa. Come io ho sempre detto: “Io ho sempre pensato che una delle cose più ostinate che io abbia mai visto fu un mulo”. Vedete, egli è un “ibrido”. Vedete, sua madre era una giumenta e suo padre era un asino, ed egli non sa nemmeno a chi appartiene. E la prima cosa che sai, è che tu puoi ottenere un asino, ossia, ottenere un mulo, però il mulo non può riprodurre se stesso. Vedi, egli non...tu non puoi insegnargli niente. Egli è un “testa-dura”. Tu non puoi insegnargli niente, anche se ha delle lunghe orecchie! Ed egli aspetterà fino all’ultimo giorno della sua vita, proprio fino alla morte, per poterti sferrare un calcio. Quello è tutto. Egli è sempre in attesa della buona occasione per mandarti in rovina, se ci riesce.

 

125 E questo mi fa venire in mente molti di questi cosiddetti Cristiani ibridi. Essi hanno ibridizzato la Chiesa a tal punto che hanno preso l’amnesia spirituale. Essi non riescono più a riprodurre niente.

 

126 Essi parlano circa il grano ibrido. Il grano ibrido non serve a niente. Ogni cosa ibrida è la peggior cosa che tu possa metterti in bocca. Ecco la ragione per la quale tu devi prendere queste piccole piante di floricoltura, e roba ibrida, e spruzzarle, e dargli la medicina, e trattarle come un bambino. Perché? Perché esse non riescono a tenere lontane le cimici.

 

127 Però su un genuino, su un purosangue, tu non hai da buttargli addosso alcun disinfettante! egli ha in se stesso la Potenza per tenere le cimici lontane da lui! Ecco cosa ci vuole per tenere lontane le cimici dell’incredulità: un vero e genuino uomo Spirituale.

 

128 Prendi un vecchio mulo e gli parli, dicendogli: “Hei, ragazzo, io voglio che tu fai questo, quello”.

 

129 Egli si siede lì e: “Haaa! Haaa! Haaa!”.Quelle grandi orecchie che vanno su-e-giù. Io ho visto molti cosiddetti Cristiani che fanno più o meno in quel modo.

 

130 Tu dici: “Gesù Cristo è lo stesso, ieri, oggi, e per sempre”. “Questi segni accompagneranno quelli che hanno creduto”.

 

131 “Uh? Io credo che i giorni dei miracoli sono passati. Haaa! Haaa! Haaa!”. Vedete, egli non sa cosa crede! egli non sa niente! egli non sa da dove proviene né sa dove sta andando! Egli ha preso l’amnesia cavallina. Egli non sa né da dove proviene né riesce ad andare più in avanti.

 

132 Però a me piace un genuino purosangue. Oh, egli è gentile! Tu puoi parlare con lui. Egli sa chi era suo papà, egli sa chi era sua mamma, sa chi era  suo nonno e sua nonna. Egli ha le carte del pedigree per mostrarti da dove proviene.

 

133 ed a me piacciono i Cristiani col pedigree, i quali possono ritornare indietro completamente alla Parola di Dio, al Giorno di Pentecoste, ed identificare se stessi là con i santi, dove la Potenza dello Spirito Santo venne su di loro. Quello è il pedigree del Cristiano! Egli sa da dove proviene. Egli non è identificato con i Metodisti, Battisti, e con niente altro. egli è identificato nella Parola di Dio. egli sa esattamente dove sta. Il Sangue Regale di suo Padre scorre attraverso di lui: il Sangue di Gesù Cristo. Egli sa quello che fa! Egli crede ogni Parola. Dio agisce attraverso di lui e lo conferma con i segni che Egli promise che lo avrebbero accompagnato. Egli non ha alcuna amnesia spirituale. Egli è un genuino purosangue. Quello mi piace!

 

134 Però la Chiesa oggi ha preso un brutto caso di amnesia spirituale. Essa non sa a chi appartiene. Essa Questo lo ha tutto dimenticato; si è dimenticata tutte queste cose che la fanno essere una Chiesa.

 

135 Che cos’è che ci ha fatti essere così ricchi come siamo? Ella è finita di nuovo in quel posto di Laodicea; è ritornata di nuovo in quel posto ricco come lo era Israele. Quando ella era povera e doveva confidare in Dio per ogni cosa che faceva, in ogni cosa ella confidava in Dio; allora Dio era con lei, ed ella era spirituale, e andava avanti. Ma quando divenne ricca, qui c’è quello che accadde; le loro città vennero edificate, le loro donne divennero immorali, i loro uomini lo permisero, i loro predicatori abbassarono gli steccati, ed essi denunciarono i profeti. E quella è la condizione in cui essi finirono. Ciò che causò quello fu il fatto che essi dimenticarono da dove provenivano quelle benedizioni.

 

136 E voi Metodisti, voi Battisti, e voi Presbiteriani! Voi Metodisti non potete ricordarvi di John Wesley. Voi Battisti di John Smith, il quale pianse così tanto sugli affari della gente tanto che sua moglie doveva guidarlo a tavola, poiché i suoi occhi erano gonfi e chiusi dal tanto piangere e pregare per tutta la notte. Che cos’è che non va?

 

137 John Wesley disse che una delle cose più grandi... Anzi credo che fu uno dei primitivi padri Metodisti che disse: “La disgrazia delle figlie della Chiesa Metodista fu che esse cominciarono ad essere mondane; esse cominciarono a portare anelli nelle loro dita”. Cosa direbbe egli ora che indossano gli shorts?

 

138 cos’è accaduto? amnesia spirituale! Ecco di che si tratta: ti sei dimenticato da dove provieni! Tu hai tutte queste cose perché è stata la bontà di Dio che te le ha donate.

 

139 Pensate voi che questa è una cosa strana? La profezia è esattamente in accordo allo Spirito di Gesù Cristo. In Apocalisse , al 3º capitolo, essa dice: “Poiché tu dici ‘io sono ricca, io non ho bisogno di nulla’, e non sai che tu sei povera, cieca, disgraziata, miserabile, nuda, e non lo sai”. Vedete, non lo sa! Di che si tratta? Di amnesia spirituale! essi non lo sanno!

 

140 Ora le chiese hanno i soldi. È raro che nella nazione ci sia una chiesa, una denominazione, che non abbia edifici di milioni e milioni di dollari. Mettono milioni e milioni di dollari in edifici ed altro, e predicano che la Venuta del Signore è vicina.

 “Ricca”, e dice, “io non ho bisogno di nulla”. Hanno i migliori istruiti predicatori come non mai, conoscono più teologia come non mai; ed essi hanno i più grandi edifici, e i migliori posti scelti in città. Essi hanno il diritto per fare tutto quello che vogliono fare. E poi, cosa fanno essi? essi prendono l’amnesia spirituale e si dimenticano che è stato Dio che ha fatto quello per loro. Proprio come fece Israele.

 

141 E la Bibbia lo profetizzò. Gesù Cristo mandò il Suo angelo a Giovanni e gli disse che questa ultima epoca della chiesa avrebbe avuto questa amnesia spirituale. Ricordatevi: essi erano “disgraziati”. Essi “pensano” di essere grandi. Essi “pensano”di avere qualcosa. Però Egli disse che essi erano “miserabili, disgraziati, poveri, ciechi, nudi, e non lo sapevano!”. E non c’è alcun modo per dirglielo!

 

142 Ora, se un uomo, o una donna, fosse qua fuori sulla strada, disgraziato, nudo sulla strada, cieco; ciò sarebbe un caso pietoso l’essere in quella condizione. Ma se invece essi avessero la loro mente a posto, essi saprebbero chi sono; essi saprebbero che sono esseri umani, e che come tali sono tenuti ad indossare vestiti.

 Ebbene, vai là fuori; essi sono esseri umani, e si suppone che siano identificati con la razza umana, e invece li vedi là fuori “disgraziati, miserabili, ciechi, e nudi”. E se tu vai da lui e gli dici: “Fratello, tu sei nudo”.

 

143 “Ora, ascolta! Io sono il Dottor Tal-dei-tali! Tu fatti i fatti tuoi. Lascia che te lo dica: io appartengo al Tal-dei-tali! Questi non sono affari tuoi. Tu, santo rotolante, non devi dirmi niente!”. [Tratto di nastro vuoto—n.d.t.]

 

144 Dici loro: “È sbagliato che un uomo faccia questo, e che le persone facciano le cose che essi stanno facendo”.

 

145 Essi ti fanno subito sapere che il loro predicatore è aperto di mente. Vedete di che si tratta? si tratta che essi hanno dimenticato i comandamenti del Signore Gesù!

 Anche se Egli viene giù e fa i segni e le meraviglie che Egli disse che avrebbe fatto, essi non vogliono crederlo. essa è amnesia spirituale! Vedete, essi lo hanno dimenticato! Ed essi sono nudi, e non lo sanno, non se ne rendono conto!

 

146 Essi pensano: “Basta che io appartenga alla chiesa, e quello è tutto ciò di cui ho bisogno”. Oh, fratello, quello per Dio non significa niente di più che essere un Massone o qualsiasi altra cosa, qualsiasi altra loggia! L’appartenere alla chiesa per Dio non significa proprio un bel niente.

 

147 Voi dovete essere figli e figlie di Dio! Tu devi essere nato da Dio; e Dio è la Parola!

 Quando io divento parte di mio padre, io divento tutto mio padre. E quando tu divieni parte di Dio, tu diventi Dio nella pienezza della Sua Parola; tu La credi tutta!

 Amnesia spirituale!

 

148 Cosa se tu non sapessi quale fosse il tuo nome? Cosa se tu venissi da una brava famiglia, cosa che spero che lo sei; se tu venissi da una brava famiglia, da brava gente, e tu dimenticassi il nome di famiglia e vivessi qua fuori in modo disgraziato? Essi direbbero: “Non sei tu un Jones?”, o quello che fosse. “Beh, io non so chi sono”. Vedete? Bene, vedete, essere in quel modo sarebbe una cosa orribile; è un finire in una orribile condizione.

 

149 Ebbene, quello è proprio ciò in cui è finita la Chiesa. Ella era tenuta ad essere la rappresentazione di Gesù Cristo. Però ella ciò lo ha dimenticato, poiché sono stati iniettati in lei credi e denominazioni, cose che essi hanno accettato al posto della Parola. E così sono “nudi, ciechi, miserabili, e non lo sanno”; e non c’è alcun modo per dirglielo!

 

150 Io forse non sarò più di nuovo a Birmingham, ma questa volta essi questo lo sentiranno. Esatto. Io non sono responsabile di altro eccetto che quello di seminare il Seme, e Dio lo dirige nel terreno ove Esso è tenuto ad andare.

 

151 L’hanno dimenticata. Sì, essi hanno dimenticato la Parola della promessa. Essi L’hanno dimenticata. Israele era in quella stessa situazione quando venne Gesù. Essa se L’era dimenticata. Essi guardavano per... Essi dicevano di credere che stava per venire il Messia. Ma quando il Messia venne ed identificò Se Stesso tramite la Parola, essi avevano così tante tradizioni a tal punto che resero inefficace la Parola di Dio.

 

152 E Gesù promise che proprio prima del tempo della fine, sarebbe stato come fu in Sodoma. e ciò si è identificato, e le persone sono così tradizionali a tal punto che, tramite la loro tradizione, rendono inefficace la promessa di Dio. Amnesia spirituale! Amnesia spirituale è esattamente ciò di cui si tratta. Vedete, essi si sono dimenticati di queste cose.

 

153 “Oh, io appartengo a questo. Io-io ho fatto questo. Io ho danzato nello Spirito. Io ho fatto questo”. Oh, mamma, mamma! Quello non ha niente a che fare con Questo, affatto!

 

154 Come fai tu ad essere un Cristiano e negare la Parola? Tu non puoi farlo! Dio “è” la Parola. E se la Parola è in te, allora tu e la Parola siete la stessa cosa. Tutto ciò che la Parola è, tu sei. Amen!

 Se io vivo in questa generazione, ciò che questa porzione di Parola ha promesso per questa generazione, io devo essere quello.

 se io voglio essere un Cristiano, allora devo identificarmi con tutto ciò che la Bibbia predica e sostiene! alleluia! [La congregazione giubila e loda Dio ad alta voce—n.d.t.]

 

155 Mi chiameranno comunque “santo rotolante”, ma proprio ora io mi sento molto religioso! Sissignore. [La congregazione continua a giubilare e a lodare Dio ad alta voce—n.d.t.]

 

156 Io devo essere identificato con ogni cosa che quella Bibbia reclama. Ed Essa sta facendo i Suoi reclami. E se io non sono stato colpito con l’amnesia spirituale di questo giorno moderno, allora io voglio essere e posso essere identificato con Essa. Se io La nego, allora io ho preso l’amnesia spirituale. Qualcosa è accaduto! Io ho accettato un credo o una dottrina, o qualche chiesa o un gruppo di uomini. Dicono: “Io non posso farlo”, nonostante la Parola viene ed identifica Se Stessa.

 

157 Ecco perché Gesù non venne riconosciuto. “Oh”, dicono loro, “beh, quest’uomo è santo, egli è il nostro santo sacerdote, il nostro santo questo”.

 

158 E Gesù disse: “Voi siete di vostro padre, il diavolo, e sono le sue opere che voi fate”.

 

159 Lo sapevate che anche Caino offrì un buon sacrificio? Egli era sincero, edificò un altare, si inginocchiò ed adorò; offrì un sacrificio e pregò Dio. E se quello è tutto ciò che Dio richiede, cioè che tu appartenga alla chiesa, ed abbia un altare, paghi le tue decime, vada in chiesa, e viva una vita onesta; se quello è tutto ciò che Egli richiede, allora Egli fu ingiusto nel condannare Caino, poiché egli fece la stessa cosa. Sissignore. Proprio così.

 

160 Ora, religione significa “una copertura”. E tu non puoi essere coperto tramite le tue proprie buone opere! C’è solo una cosa che Dio accetta, ed essa è il sangue di Gesù Cristo. Quella è l’unica copertura. All’infuori di Quella... Se tu dici: “Osserva il credo”. Amnesia spirituale! Quello è ciò che è accaduto.

 

161 Ora, notate: essi hanno dimenticato la Parola. Essi hanno dimenticato la Bibbia. Essi hanno dimenticato la Promessa. Essi stanno cercando di vivere nel riflesso di ciò che furono i Metodisti, di ciò che furono i Battisti, di ciò che fu qualcun altro. E qui c’è la “Promessa del giorno” e Dio La parla attraverso la Sua Parola confermandoLa di nuovo, provando che Essa è così, e ciononostante essi non La credono. Amnesia spirituale! Ciò è esattamente vero. totalmente e totalmente amnesi! Non La credono affatto, assolutamente.

 

162 Come quel soldato Francese, di cui una volta mi fu raccontata la storia; poi termineremo. Non sapevo che si era fatto così tardi, ed io ho ancora circa dieci pagine di annotazioni che sono rimaste; le riprenderò qualche altra volta. Notate, questo soldato Francese; essi rimpatriarono dall’esercito un gruppo di soldati, ed essi avevano questa amnesia. La presero dallo shock durante la battaglia. Ed essi fecero un programma; esso era di diramare un annuncio tra il popolo così che coloro che avevano dei cari che mancavano potessero venire e vedere se essi potevano identificare questi ragazzi. Per loro non c’era più alcuna speranza; forse uno o due di essi vennero riconosciuti. E poi essi presero il resto di loro e li stavano portando in un sanatorio, dove sarebbero rimasti per tutto il resto della loro vita.

 

163 Essi stavano andando su attraverso le colline, mentre il treno li trasportava. Ed essi si fermarono in una stazione e lasciarono che i ragazzi uscissero, così che potessero sgranchirsi le gambe. E le guardie andarono su per le colline, per sorvegliarli, poiché con l’amnesia essi dovevano tenerli d’occhio.

 

164 Così essi tenevano d’occhio lì un giovane, il quale era andato fuori e aveva cominciato a guardare attorno ad un serbatoio di acqua, e guardava tutt’attorno per la collina. Egli si strofinò la faccia, e pensava. Ed egli guardò di nuovo, e vedeva quel serbatoio di acqua. Egli guardò tutt’attorno alla stazione, e cominciò a camminare. La guardia, anziché fermarlo, lo seguiva.

 

165 Egli andò su per la collina, giù lungo un piccolo sentiero, girò a destra e andò su per un’altra collina, e venne davanti ad una piccola capanna di legno. Egli guardò. Fuori dalla porta spuntò un uomo anziano, appoggiato ad un bastone. Egli venne fuori e gettò le sue braccia attorno a lui, dicendo: “Figlio mio, lo sapevo che tu saresti ritornato. Essi mi dissero che eri morto, ma io sapevo che tu saresti ritornato”. E il ragazzo ritornò in sé. La sua amnesia lo lasciò, ed egli poté identificare chi egli era. Egli riconobbe che quello era suo padre.

 

166 Oh, soldato della Croce, che sei stato shoccato con così tanta istruzione, che hai avuto così tanti shock di denominazione, e credo, e cose del mondo, perché non vieni fuori per alcuni minuti e vai a dare uno sguardo attorno alla Bibbia? Forse vagherai attorno, e poi uno di questi giorni tu potresti ritrovare te stesso identificato qui nella Parola, quale un credente. Che ne sai tu? Tu potresti ritornare in te stesso, come fece il figliuol prodigo, e ritroverai te stesso. Tu potresti trovare la tua identificazione nelle Parole di Dio.

 

167 L’altro giorno, non molto tempo fa, qualcuno disse: “Ma, fratello Branham, guarda a noi gente Pentecostale, alle belle chiese che noi abbiamo! Ebbene, noi abbiamo ministri che sono stati istruiti!”.

 

168 Ascolta: quando un uomo sposa una moglie, egli non confida nella sua bellezza. No. Egli confida nella “lealtà del suo voto”, nella sua parola. Egli non confida nella sua bellezza. Egli confida nella sua “lealtà”.

 

169 E quello è il modo come quando tu sei sposato a Dio. Tu non confidi in qualche grande e bella chiesa che tu puoi edificare, ma confidi nella “promessa” che Gesù Cristo ha fatto, cioè: “Io sono lo stesso, ieri, oggi, e per sempre”. Credi tu a Quello? [La congregazione dice: “Amen!”.—n.d.t.]

 Chiniamo un momento i nostri capi.

 

170 Io mi chiedo se questa sera, in questo edificio qui ci sono persone sedute, uomini e donne, le quali sono persone legate all’eternità; e tu sai che un giorno o l’altro dovrai incontrare Dio. Ed io mi chiedo se tu non hai preso qualche piccolo soffio di quella amnesia, e vorresti...Se tu sei identificato nella cosa sbagliata, non vorresti questa sera guardarti attorno e vedere se puoi essere identificato in Cristo Gesù? Vorresti alzare la tua mano, dicendo: “Prega per me, fratello Branham, io-io voglio essere identificato quale un vero Cristiano, un vero credente”? Dio ti benedica. Dio ti benedica. Dio ti benedica. Oh, sì, dappertutto! Il Signore Iddio vi benedica.

 

171 Qualcuno su nella balconata. Tu dirai: “Fratello, io credo che quella è veramente la verità. Io, come Cristiano, credo che noi Cristiani non siamo più come eravamo alcuni anni fa”.

 

172 Cosa riguardo a voi gente Pentecostale, quando le vostre madri e i vostri padri solevano stare sulla strada qua fuori, e battevano su un vecchio tamburello. E tua madre, come doveva lei faticare e lottare per voi piccoli bambini. A volte tu andavi in giro senza vestiti, e via dicendo; ma tuo padre e tua madre erano fedeli alla Causa, e innalzavano Cristo.

 

173 Guardate a cosa avete fatto voi gente Pentecostale. Cinquanta anni fa voi veniste fuori dalla organizzazione. Quello è ciò che vi fa essere Pentecostali; voi avete separato voi stessi dagli increduli. “E come una scrofa al suo pantano, e un cane al suo vomito”, voi siete tornati dritti indietro e avete fatto la stessa cosa; avete fatto lo stesso tipo di pasticcio dal quale voi eravate usciti. Che cos’è che non va? L’amnesia spirituale si è propagata tra il popolo! Voi ora avete i vostri credi e le vostre carte denominazionali, e voi siete proprio esattamente come il resto di loro, e volete essere come il resto di loro. Voi avete permesso alle vostre donne di tagliarsi i capelli, di portare il cosmetico. Voi state permettendo loro di fare tutte queste cose, e state permettendo tutta questa roba nelle chiese. Di che si tratta? Di amnesia spirituale!

 

174 Poi, la prima cosa che tu vedi, è che quando Dio comincia a visitare il popolo, cosa accade allora? Accade che tu non Lo ricevi. Vedi, tu sei stato ammalato con quella amnesia; vedi, quella è l’unica cosa che tu hai sempre sentito. Non pensi tu che per solo alcuni minuti dovresti uscire fuori da quel credo e prendere su la Bibbia, e vedere ciò a cui un Cristiano è tenuto ad essere identificato? “Questi segni accompagneranno coloro che hanno creduto!”.

 

175 In Atti, Pietro disse:

 Ravvedetevi, e ciascuno di voi sia battezzato nel Nome di Gesù Cristo per la remissione dei peccati, e voi riceverete il dono dello Spirito Santo; poiché la promessa è per voi, e per i vostri figli, e per tutti quelli che sono lontani, per quanti il Signore Dio nostro ne chiamerà.

 Se essi ti dicono che Quello non è così, allora il tuo pastore ha un brutto caso di amnesia spirituale. Egli non riesce ad identificare se stesso con quella Chiesa. Non ad una organizzazione; ma alla Chiesa, al mistico Corpo di Cristo.

 

176 Ora lo Spirito Santo è qui. Egli è qui per fare proprio esattamente ciò che Egli promise di fare. Ora, mentre siete qui coi vostri capi chini, continuate semplicemente a pregare. Lasciate che lo Spirito Santo Stesso parli, e vedete se questa... Ognuno conosce quella promessa, ciò che è per questo giorno. Ora, per voi che questa sera siete nel bisogno, tutti voi che avete alzato le vostre mani. Prima che voi fate quello, io mi chiedo...

 

177 Mentre noi siamo qui e preghiamo realmente per questi ammalati, io mi chiedo se tu riesci ad allontanarti da quella incredulità, da quella denominazione, da quel credo che ti dice che queste cose non stanno così, da colui che ti dice che Questo è dal diavolo. Quando essi fanno quello, “Essi non saranno mai più perdonati, sia in questo mondo sia nel mondo a venire”. Cosa se ciò fosse la Verità? Pensa un momento: Cosa se ciò lo fosse? Dove ti troveresti tu allora? Vedi, tu non hai da dirlo; basta che lo credi nel tuo cuore! E ci sono persone qui che credono quello. Io sono stato seduto proprio qui, in queste due ultime sere, fremendo sotto a qualcosa; e, oh!, ho dovuto trattenermi e mordermi la lingua, per non dire ciò proprio apertamente.

 

178 E, ricordati, amico: ciò è tra te e Dio. Cosa se ciò fosse sbagliato, e tu pensi a quello? Lo sai cosa ti accade? Tu per questo non sarai mai più perdonato!

 Amnesia spirituale! Tu continuerai ad andare dritto avanti verso la tua morte eterna. Incredulità! “Colui che non crede è già condannato”.

 

179 Ora prega per la tua malattia. Di’: “Signore Gesù, Tu hai promesso che io...”.

 Forse ci sono qui degli estranei, che non sono mai stati qui prima.

 

180 Gesù promise: “Come fu...”, io prendo solo una Scrittura, “...ai giorni di Lot,...”, quando Dio si manifestò in un corpo di carne, a quella gente, ad Abrahamo, al gruppo eletto, al gruppo “chiamato fuori”. E il nome di Abramo venne cambiato in Abrahamo, allora egli vide la Parola fatta carne, ed Essa discernette i pensieri che erano nel cuore di Sara.

 

181 E quando il Seme Regale di Abrahamo si fece avanti, quello fu ciò che Egli fece; ed essi chiamarono Lui “un diavolo”.

 

182 Egli disse: “Ora, quando lo Spirito Santo verrà, Egli farà la stessa cosa”. Disse: “Ora per voi c’è perdono quando chiamate Me in quel modo, ma quando voi parlate contro allo Spirito Santo, non c’è più perdono”.

 

183 Possa ora Egli, nella Sua Potenza, venire attraverso questa adunanza di gente, ovunque siete, e col Suo discernimento spirituale mostrare che Egli è la Parola; così che se ci sono qui di quelli che soffrono di amnesia, che non abbiano a...che rimangano senza scuse, prima che venga fatta questa chiamata all’altare.

 

184 Possa il Signore Iddio aiutarci. Ora, con i vostri capi chini, pregate riverentemente.

 

185 Vedete, c’è una signora seduta qui davanti a me. Lei ha le mani alzate sulla sua faccia. Lei sta soffrendo di una condizione nella spina dorsale. E lei ha pure problemi nervosi. Lei ha problemi allo stomaco. E lei è seduta qui davanti a me ora. E, così che lei sappia: lei non è di questa nazione. Lei viene da una città chiamata Macon. Sì. Credi tu che Dio mi possa dire chi sei? Tu sei la signorina Ayers. Se ciò è esatto, alza la tua mano. Io ti sono estraneo. Ciò è vero, non è così? Ora i tuoi problemi sono passati. Gesù Cristo ti... Tu hai toccato la Sua veste. Egli ti ha guarita. Ora, credilo semplicemente.

 

186 C’è un uomo che sta seduto in fondo all’edificio. Egli sta cercando il battesimo dello Spirito Santo. Egli vuole il battesimo con lo Spirito. Egli sta qui davanti a me. Anche lui non è di qui. Egli viene dalla Carolina, da Charlotte. Il suo nome è Lepoe. Credi con tutto il tuo cuore, e Dio ti riempirà con lo Spirito Santo, fratello mio; se tu lo credi.

 

187 Qui, su alla mia destra; qui c’è un uomo e sua moglie, seduti proprio qui dritto davanti a me. Essi sono una vecchia coppia, alla mia destra. La donna sta soffrendo di una condizione alla spina dorsale. Suo marito ha problemi al cuore. Essi non sono di qui. Essi vengono dal Tennessee. Signor e signora Thomas, se voi credete con tutto il vostro cuore, alzate su le vostre mani e  accettate la vostra guarigione. Gesù Cristo vi sana. Quello è esattamente ciò che Egli promise di fare. Or io non ho mai visto quella gente nella mia vita.

 Amnesia spirituale!

 

188 Gesù disse: “Le opere che faccio Io le farete pure voi. Ancora un po’ e il mondo non Mi vedrà più; ma voi Mi vedrete, poiché ‘Io’”, pronome personale, “sarò con voi, e perfino in voi, fino alla fine del mondo”. “Gesù Cristo è lo stesso, ieri, oggi, e per sempre”.

 

189 Ora, agli uomini e donne qui dentro, a voi che avete qualcosa di sbagliato, voi che proprio non riuscite a vedere come... Tu vuoi credere, però tu proprio non riesci ad entrare in Questo, e vorresti che si pregasse per te; voi che volete accettare Lui mentre siete nella Sua Presenza, vorreste venire avanti e stare proprio qui a fianco a me, e lasciare che io preghi e imponga le mani su di voi? Se volete, venite proprio ora qua sopra, voi che state soffrendo di quello, di amnesia spirituale, e vorreste che si preghi per voi, affinché siate liberati da quello. Se tu non sei un credente, ma vuoi che si preghi per te, vieni e mettiti qua sopra. Dio ti benedica, giovanotto. C’è qualcun altro che vuol venire? Dio ti benedica, signora. Venite! Dio ti benedica, giovane signora. Qualcun altro che vuol venire? Venite, state proprio qua sopra, proprio ora.

 

190 Amnesia spirituale! Io non voglio essere colpito da quella piaga. Che Dio me ne liberi! Lasciate che piuttosto muoia in qualsiasi modo, ma che non muoia mai di “quella” morte, come un incredulo.

 

191 Vieni, accetta Lui ora! Non lo vorrai fare? Venite da lì, venite giù fuori dalla balconata, amici. Con solo pochi passi siete giù qui, e ciò per voi potrebbe significare la differenza tra la morte e la Vita.

 

192 Guardate, io non posso far fare niente a Cristo. Cristo non ha da fare altro che una sola cosa: Egli deve mantenere la Sua Parola. Egli deve fare quello onde poter essere Cristo, onde essere Dio. Egli deve mantenere la Sua Parola.

 

193 Ora, ricordati: se tu non sei sicuro della tua esperienza, perché non vieni giù ora? Se tu appartieni semplicemente alla denominazione, se tu sei un  Pentecostale nipote; Dio non ha alcun nipote. Egli ha solo figli e figlie, ma niente nipoti. Vedi? Dio quelli non ce l’ha. Egli ha solo figli e figlie, e tu sai che non lo sei.

 

194 Forse tu hai parlato in lingue, forse tu hai danzato, tu forse hai fatto tutto questo. Ciò va bene, io non ho niente contro a questo. Ma ciononostante se tu hai preso quella amnesia spirituale, vieni giù, e vieni a metterti qui, e noi pregheremo a riguardo, e facciamo ciò che Egli disse.

 Sei un membro di chiesa, semplicemente un nominale membro di chiesa? Perché non vieni qua sopra e ci sbarazziamo di ciò proprio ora?

 

195 Io non voglio lasciare Birmingham così, sapendo che un giorno, quando verrà il Giudizio, io dovrò stare allora davanti a voi per... Ricordatevi: io vi incontrerò di nuovo! Se io non vi incontrerò più qui su questo lato, io vi incontrerò al Giudizio, ed io dovrò rispondere per ciò che ho detto questa sera.

 

196 Ora, ascoltate. Ravvedetevi, amici! Ravvedetevi! Venite fuori da essa. Venite fuori da lì! Venite su ora.

 

197 Questo dovrebbe far sì che ogni donna coi capelli tagliati che c’è in questo posto, venisse su qui ora. Ciò è esattamente vero. Se tu non hai abbastanza grazia per dire veramente: “Io-io-io lo voglio, io voglio lasciare che i miei capelli crescano, fratello Branham. Ma io non ho... Beh, io non ho abbastanza grazia per farlo!”.

 Ebbene, forse tu dirai: “Cos’ha quello a che fare con questo?”.

 

198 Qui non molto tempo fa, un vero grande ministro venne da me, e disse: “Io voglio imporre le mani su di te, fratello Branham”. Disse: “Ognuno ti considera come un profeta”.

 Io dissi: “Io non ho mai detto di essere un profeta”.

 

199 Egli disse: “Ma le persone ti considerano in quel modo. Tu sei sempre lì che batti su quelle donne, circa l’indossare shorts, e...”. Oh, era un uomo Pentecostale! E disse: “Batti circa l’indossare shorts, e il tagliarsi i capelli, ed altre cose”. Disse: “Quello non è affare tuo!”.

 Io dissi: “Di chi è allora quell’affare?”.

 

200 Ed egli disse: “Quella gente... Perché non insegni a quelle donne come avere grandi doni spirituali, ed aiutare così la gente, anziché cercare di...?”. Disse: “Essi ti tengono in considerazione. Ciò che tu dici loro, esse lo credono”. Disse: “Perché non dici loro come avere grandi doni ed aiutare la gente, anziché stare sempre lì a condannarle?”.

 

201 Io dissi: “Come faccio io ad insegnar loro l’algebra quando esse non vogliono imparare nemmeno il loro ABC?”. Tu devi iniziare dal fondo.

 

202  ravvediti, o perirai! Ora tu puoi fare come ti pare. ravvediti, o perirai! Sera dopo sera Gesù Cristo ha qui chiaramente identificato Se Stesso! E questa è la sera che noi abbiamo riservato per questa salvezza. Mancano solo pochi passi per venire qua sopra, ed io ho abbastanza tempo per aspettare.

 

203 ricordati, Birmingham: il tuo sangue non è su di me! Io sono innocente! E se tu hai veramente lo Spirito Santo, tu hai un’opportunità per venire ora. E se tu stai soffrendo con qualche specie di chiesanità, la quale ti ha causato questa amnesia spirituale, perché non vieni? “Gesù” è la cura! Non vorresti venire?

 

204 Ora alcune persone hanno lasciato la balconata. Io aspetto per vedere dove esse stanno andando, se fuori o stanno venendo all’altare. Queste che sono giù qui, venite su qui attorno. Così va bene. Voi che siete qui, venite a mettervi qui attorno all’altare, e dite: “Io voglio finirla con questo”.

 Sì, esse stanno venendo giù, sono due donne. Così va bene.

 

205 Venite su dritti qua sopra ora. Siete a soli pochi passi da questo. E quei pochi passi potrebbero fare la differenza!

 

206 Ora, guardate, io voglio chiedervi qualcosa: cosa se Egli venisse questa notte? “Oh”, dirai, “Egli non sta per venire”. Io non so se Egli lo sia o no. Questo è l’ultimo segno! Ricordatevi: COSÌ DICE IL SIGNORE! Mi avete voi mai sentito dire quello senza che ciò fosse vero? Voi state vedendo il vostro ultimo segno! Ciò è Scritturale. Voi avete visto il vostro ultimo segno, Pentecostali! Non ingarbugliatevi ora con quello che Egli ha promesso ad “Israele” dopo il Rapimento; quelli non siete voi. Voi allora sarete finiti! Vedete?

 ora è il vostro giorno! ora è il vostro segno! ora è il vostro tempo! non rigettate questo! non fatelo! è meglio che venite!

 

207 Credete voi che io sia il servo di Dio? Ricordati, Birmingham: io non ho mai incontrato persone migliori. Voi siete la gente migliore che io vorrei incontrare nella mia vita. però voi avete bisogno di un risveglio! voi state morendo! voi state prendendo l’amnesia spirituale! voi state morendo! non fate quello! risvegliate ciò che avete! portatelo di nuovo su, presto, prima che Gesù venga.

 

208 Benissimo, mentre essi stanno continuando a venire... Lasciate che essi continuino a venire, fino a che verranno qua sopra tutti quelli che il Signore sta chiamando.

 

209 Venite ora. Sbarazzatevi di quella amnesia. Il grande Medico è ora qui  per guarirvi da quella amnesia, per toglierla via da voi. Egli ha provato di essere qui. Quanti vogliono identificarsi con quello tramite l’alzare la vostra mano, e dicendo: “Io quello lo credo veramente”? Ed Egli disse: “Se tu...”. Vedete? Ora Egli è qui! Vedete: voi credete.

 

210 E quanti sanno che io vi sto dicendo la Verità, cioè: che voi state morendo e che avete bisogno di un risveglio? [La congregazione risponde con un “Amen”.—n.d.t.] Vedete, ciò è la Verità.

 

211 Voi siete brava gente! Tu non riesci a trovarne di migliori. Non ci sono migliori cuori che battono come quelli che sono sotto a queste vecchie magliette di Sudisti giù qui. Ciò è vero. Siete della gente vera! Però, gente, voi fareste bene a svegliarvi subito! [Il fratello Branham batte tre volte il pugno sul pulpito—n.d.t.] Nell’ora che voi non pensate, ciò potrebbe accadere! Ciò potrebbe non accadere; io non lo so!

 

212 Però, ricordatevi: voi state ricevendo il vostro ultimo avvertimento! per cui fuggite mentre avete il tempo per fuggire! Venite ora. Fintanto che essi continuano a venire, io continuerò ad aspettare, poiché anche una sola anima vale quanto diecimila mondi. Fintanto che le persone vengono convinte...

 

213 A me piacerebbe vedere che questo sfoci in un grande risveglio, tanto che aggiusterebbe ogni chiesa che è qui attorno; e voi rompereste le vostre differenze e vi sbarazzereste di tutto quell’ egoismo, e accettereste lo Spirito Santo. Voi avete detto che Lo credete! Voi avete detto che Lo credete, ma quando Egli viene per identificare Se Stesso, allora voi vi separate gli uni dagli altri! perché non uniamo i nostri cuori con la Parola di Dio e crediamo la Verità? Ecco di che si tratta.

 Se voi continuate a morire, a morire, voi finirete dritti giù dentro Laodicea! Esattamente ciò che Egli ha promesso, ciò sarà in quel modo! Non vorresti tu venire ora? ora è il giorno! ora è il tempo accettevole! Osservate ciò che lo Spirito Santo farà.

 

214 Ora io voglio tutti i ministri che sono qui, i quali sono interessati in queste persone; che anche voi venite e pregate assieme a me. Venite su qui, tutti voi ministri che siete interessati in queste persone. Venite, venite qui attorno, ed entrate in mezzo a questa gente; i ministri, o le persone qualificate, una buona persona qualificata; o una donna che vorrebbe stare ora in mezzo a queste donne. Io voglio credere con tutto il mio cuore, che lo Spirito Santo venga proprio ora in questo luogo e semplicemente identifichi Se Stesso in mezzo a tutta questa gente.

 

215 Ora, lasciate che io prima istruisca queste persone qui. Ora, amici, per qualsiasi cosa voi siete qui, Egli lo sa. Ed io ciò posso provarvelo; io potrei prendervi uno per uno e portarvi qui su questo palco, e non ci sarebbe nemmeno una cosa che Egli non farebbe conoscere. Ora questo è avvenuto sin da quando ero un piccolo ragazzo. Quel dono non è in dubbio. Ma la domanda è: “Puoi tu riceverLo? Lo credi tu?”.

 Ora Egli è qui. Ebbene, se Egli è qui, allora c’è solo una cosa: Egli mantiene la Sua Parola. Dunque credi semplicemente che Lo ricevi, ed accettalo, ed alzati e di’: “Signore Iddio, io sono qui per accettarLo”, e stai proprio lì fino a che ciò accade!

 

216 Come disse una volta Buddy Robinson, mentre si trovava in un campo di grano. Egli disse: “Signore, se Tu non mi dai lo Spirito Santo, quando ritornerai Tu troverai un mucchio di ossa che giacciono proprio qui”. Egli era mortalmente onesto! E tu non riceverai mai niente da Dio fino a che non diventerai abbastanza disperato.

 

217 Ora, avete notato la mèsse di oggi? Avete notato cosa abbiamo fatto noi oggi? Noi, in pratica, abbiamo abbastanza di Dio attorno a noi a tal punto che veniamo su a questo palco, e diciamo: “Sì, forse sarebbe meglio che io vada su”. Ora, questo è sperimentato a livello mondiale. “Sì, è meglio che io mi alzi e vada su”. Dici: “Beh... beh... io non so! Eccomi qui, vedi?”. Humm, che brutto posto in cui trovarsi! Non c’è alcun fuoco che brucia! Non c’è alcun entusiasmo! Non c’è un “vado in Esso!”. E, come disse un evangelista, quello proprio mi uccide nel vedere il popolo di Dio in quella condizione. noi siamo tenuti ad essere infuocati!

 

218 Ma, vedete, di che si tratta? Si tratta esattamente di ciò che vi ho detto; di Apocalisse 3: “Tu sei tiepido. E”, disse Lui, “poiché tu sei tiepido, Io ti vomiterò fuori dalla Mia bocca”. È ciò esatto? [La congregazione dice: “Amen!”.—n.d.t.] Quello è ciò che Egli disse. E se Egli disse quello, allora quello è ciò che Egli farà! per cui, cerchiamo di non essere quel tipo di gente!

 

219 voi siete qui, bisognosi! ricevete questo, o morite proprio qui! Ciò è esatto: riceverLo, o morire.

 

220 Ora, mio caro fratello o sorella, se io venissi giù e potessi aiutarti a fare qualcosa, io di certo lo farei. Ora, tramite un dono, io posso dirti il motivo per cui tu sei qui. Io posso dirti per che cos’è; tramite lo Spirito Santo, tramite lo Spirito di Dio, io posso dirti il motivo per cui sei qui, ciò che tu hai fatto, quale sarà il tuo futuro, o qualcosa del genere. però quello non aiuta il tuo caso! Sei “tu” che devi accettare Questo, tu stesso! Devi essere tu!

 

221 Ora, sei pronto? Alza la tua mano, e di’: “Io sono pronto. Io sono pronto a morire proprio qui!”. Ora, non farlo, ammenoché tu non lo desideri veramente!

 “Io sono pronto a morire proprio qui, pur di ottenere ciò che voglio da Dio”. Amen. Sei veramente pronto? [La congregazione alza la voce assieme e grida a Dio in preghiera—n.d.t.]

 

222 Che anche quelli nell’uditorio si alzino, da ogni parte. Ora insieme; uniamoci ora assieme, e preghiamo. E voi ministri, venite su da queste persone qui, ognuno di voi; voi ora state rappresentando le mani di Cristo.

 

223 Tu che vuoi lo Spirito Santo; tu che vuoi quella esperienza; non una eccitazione emotiva. Tu vuoi lo Spirito Santo, la Vita, il germe della Vita dentro di te. E tu vuoi sbarazzarti di quella amnesia, la quale ti rende...che non ti fa identificare te stesso, e non sai dove ti trovi; tu non sai quello che sei. sbarazzati di essa proprio ora! C’è una Nuova Nascita qui per te; una reale e genuina Nuova Nascita!

 

224 Imponiamo ora le nostre mani su queste persone. Che ognuno di noi alzi le mani, e preghiamo di un solo accordo. [La congregazione tutta prega Dio ad alta voce—n.d.t.]

 

225 Padre Celeste, nel Nome del Signore Gesù, concedi, Signore, che nel Nome di Gesù Cristo lo Spirito Santo possa venire questa sera, in questo Sabato sera. Che lo Spirito Santo scenda, come un vento forte ed impetuoso! Possano queste persone essere battezzate nello Spirito Santo! Che il Fuoco e la Potenza di Dio non abbia a lasciarli, anche se essi debbano stare qui fino al mattino, fa’ che essi rimangano, che stiano qui fino a che lo Spirito Santo venga! [La congregazione grida e loda Dio ad altissima voce—n.d.t.]

 

226 Ecco cos’è! EccoLo qui! Egli è lì! [Il fratello Branham batte la mano sul pulpito cinque volte—n.d.t.] quello è lo Spirito Santo che viene! [Il fratello Branham dice alcune parole indecifrabili come parlando a qualcuno con tono riverente—n.d.t.] EccoLo qui!

 credeteLo ora! accettateLo! siate ripieni con il Suo Spirito!

 [La congregazione continua a pregare e lodare Dio ad alta voce, e la voce del fratello Branham non si ode più—n.d.t.]

 

FINE